A- A+
Cronache

 

equitalia

Il suo debito con Equitalia era di 7 euro, anzi 14.000 lire. La colpa di una casalinga di Ferrara era stata quella di aver presentato nel 1996 una dichiarazione congiunta a quella del marito. L'uomo faceva l'imprenditore, ma con la crisi ha perso il lavoro e ha maturato con il fisco un debito di poco meno di 7 euro. Ora la signora si è vista ipotecare la casa.

Secondo quanto riporta il Fatto quotidiano il problema sta nella differenza tra quantità di redditi dichiarati al Fisco da marito e moglie. Quella dicharazione congiunta impegna la donna al pagamento delle imposte del marito. Equitalia, non riuscendo a soddisfare il credito allora si rifà sul patrimonio della casalinga, obbligata in solido con il marito dalla dichiarazione congiunta dei redditi del 1996.

All’atto di pignoramento si sono opposti gli avvocati della donna, Michele Minestrini del foro di Ravenna e Sergio Pellizzola del foro di Ferrara. "Quanto successo è surreale - dice l’avvocato Minestrini al Fatto Quotidiano -: partendo da un debito di 7 euro, la mia cliente si è vista ipotecare la propria abitazione da parte di Equitalia". La vicenda ha avuto un lieto fine, dal momento che "il fondo patrimoniale - conclude il legale - è una specie di vincolo che i coniugi possono creare sui propri beni per destinarli ai bisogni della famiglia; ed i beni ricompresi nel fondo patrimoniale non possono essere aggrediti per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia".

Si tratta di un punto di diritto ancora controverso in giurisprudenza. Fatto sta che davanti al tribunale di Ferrara gli avvocati si sono opposti a quell’atto esecutivo richiamando principi recentemente espressi dalla Cassazione (sentenza n. 15862 del 2009), in base ai quali il fondo patrimoniale non è aggredibile anche per i debiti già preesistenti.

Tags:
debitopignoramentoequitalia

i più visti




casa, immobiliare
motori
Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia

Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.