A- A+
Cronache

 

I gatti sono predatori e fanno parte delle 100 specie più aggressive del mondo. Stanno contribuendo all'estinzione di 33 specie di uccelli, mammiferi e rettili inseriti nella “lista rossa” delle specie protette. Uno studio americano ha cercato di calcolare i danni provocati dai gatti domestici sulla fauna. La ricerca, realizzata da un’equipe di zoologi, è stata pubblicata su Nature Communications.

Secondo le stime i felini americani causano la morte di 3,7 miliardi di uccelli all’anno e di 20,7 miliardi di mammiferi. La maggior parte delle morti è attribuita ai gatti randagi che spesso vengono nutriti dall’uomo.

I dati parlano chiaro: negli Stati Uniti ci sono 84 milioni di gatti domestici e dai 30 agli 80 milioni di gatti selvaggi. La strage provocata dai felini “supera tutte le altre cause di mortalità provocate dalle attività umane”, scrivono i ricercatori. Gli studiosi, guidati da Scott Loss, del Smithsonian Conservation Biology Institute di Washington, chiedono di avviare politiche pubbliche per la conservazione delle specie per preservare la fauna dagli attacchi dei gatti.

Tags:
gattipredatoriricercausa

i più visti




casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.