A- A+
Cronache

 

Come nel più classico dei gialli c'è il gemello buono e quello cattivo. Uno ha stuprato donne di età compresa tra i 22 e i 76 anni. L'altro è completamemente innocente. Peccato che la polizia francese non riesca a capire chi sia il reale responsabile tra i due sospettati. Il motivo? I due indiziati, arrestati a Marsiglia, sono praticamente identici come spiega l’Independent.

Non sono servite neanche le immagini fornite dai filmati delle videocamere a circuito chiuso. Anche i test del DNA standard si sarebbero rivelati inconcludenti. Come risaputo il DNA dei gemelli non è distinguibile, se non attraverso tecniche sperimentali non ancora accettate in tribunale.

I due uomini, che vivono insieme, sono due autisti disoccupati di 24 anni. Secondo le accuse, potrebbero essere responsabili di sei aggressioni sessuali avvenute a Marsiglia su alcune donne di età compresa tra 22 e 76 anni, tra il settembre 2012 e il mese scorso. Gli investigatori adesso sperano in una confessione o che uno dei due possa accusare l’altro per potersi discolpare. Fino ad ora, però, entrambi hanno negato ogni accusa.

Nel passato vicende simili sono già accadute. Nel 2011 Orlando Nembhard, un ragazzo di 19 anni, fu identificato come l’assassino di un uomo all’esterno di un nightclub dell’Arizona. Poi emerse che anche Ma è stato poi rilasciato quando è emerso come il suo gemello identico, Brandon, fosse presente nello stesso locale. Il caso è stato poi archiviato.

Tags:
franciagemelliviolenza sessuale

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.