A- A+
Cronache

"Hitler era vegetariano e propagandava l'amore per gli animali, ma ha condannato al forno uomini, donne e bambini non solo Ebrei, ma anche zingari, omosessuali e tante altre persone che non si sottomettevano alla sua ideologia e al suo regime". Lo dichiara il noto attore e regista di origine ebraica Massimo Emilio Gobbi, che invitato da FederFauna alla consegna il 24 novembre del Premio Hitler, a condanna di chi calpesta i Diritti Umani in nome di quelli degli animali, ha accettato con entusiasmo.

"Il mio vero cognome e' Du Safra', poi cambiato a causa delle persecuzioni subite dal Popolo Ebraico da parte dei nazisti – spiega Gobbi - grazie ai miei avi io esisto, e anche se l'iniziativa promossa da FederFauna a qualcuno puo' sembrare esagerata o di cattivo gusto, ben venga se serve a sensibilizzare l'opinione pubblica su una delle tante moderne forme di radicalizzazione che ahime' molto ricordano quelle di un buio passato. Un passato che non possiamo cancellare, ma dobbiamo ricordare per evitare con tutte le forze che riemerga, anche accendendo la luce su fenomeni che rappresentano possibili minacce."

Tags:
premio hitler
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.