A- A+
Cronache

 

Virus ap

Torna la Sars, la Sindrome Acuta Respiratoria Severa, che ha terrorizzato il mondo tra il 2002 e il 2003. Un uomo di Manchester è stato ricoverato in un ospedale della sua città dopo aver contratto la grave malattia respiratoria ed è oggi in terapia intensiva, spiega il Guardian. L’uomo ha accusato sintomi al rientro da un viaggio in Pakistan e Medio Oriente ed è stato il primo britannico ad essere contagiato dalla nuova forma del virus. I casi sono stati dieci in tutto.  Di questi solo cinque sono sopravvissuti.

La Sars è una forma atipica di polmonite che apparsa per la prima volta nel novembre 2002 in Cina. È arrivata a Hong Kong e in Vietnam nel tardo febbraio 2003, poi anche in altri paesi trasportata da persone infette. La malattia, identificata per la prima volta dal medico italiano Carlo Urbani, è mortale in circa il 15% dei casi.  La malattia è causata da un coronavirus, così chiamato per la sua forma a corona

Quello dell'uomo inglese è il secondo caso registrato in Gran Bretagna.  Si è ammalato il 26 gennaio mentre la diagnosi di Sars è avvenuta il 31 dello stesso mese. L’autorità di salute pubblica ha già provveduto ad effettuare dei test ad i parenti ed agli amici venuti in contatto con l’uomo prima che venisse scoperta la sua malattia. John Watson, membro della “Health Protection Agency”, ha spiegato che al momento non esiste un rischio di contagio da Coronavirus in tutto il Regno e nei paesi arabi.

“Tuttavia -ha proseguito l’esperto al Guardian- se entro dieci giorni dal vostro ritorno da uno di questi Paesi iniziate a sentire il fiato corto è opportuno che contattiate subito l’autorità medica specificando in quale Paese siete stati”.  Maria Zambon, direttore dell’istituto di microbiologia dell’istituto, ha aggiunto: “abbiamo preparato una serie di test di laboratorio per verificare l’eventuale presenza del coronavirus nel corpo qualora i sintomi possano creare un allarme”.

Il nuovo ceppo del virus è stato individuato nel settembre 2012, tre mesi dopo la morte di un uomo affetto da una grave infezione respiratoria. Questo però è stato individuato in un ristretto numero di pazienti i quali hanno denunciato febbre, tosse e difficoltà respiratorie. Dei cinque morti fin qui registrati tre si sono avuti in Arabia Saudita e due in Giordania.

L'ALLARME OMS DOPO IL 12ESIMO CASO -  L'Organizzazione mondiale della Sanità ha lanciato un appello alla vigilanza dopo il rilevamento nel Regno Unito di un nuovo caso di contagio da un virus simile alla Sars, il 12esimo caso diagnosticato nel mondo. Le autorità sanitarie britanniche hanno spiegato che l'ultimo caso riguarda una persona appartente a una famiglia con due casi già diagnosticati, ciò che conferma la trasmissione del virus da persona a persona. "In considerazione dell'attuale situazione e di informazioni affidabile, l'Oms incoraggia tutti gli stati membri a continuare a sorvegliare attentamente eventuali casi di sindrome respiratoria acuta grave (Sars) e di esaminare con cura tutte sintomatologie insolite", si legge in un comunicato dell'Oms. Finora sono stati diagnosticati cinque casi della cosiddetta nuova Sars in Arabia saudita, di cui tre mortali, due in Giordania, entrambi mortali, quattro nel Regno unito e uno in Germania, tutti in persone originarie del Qatar.

Tags:
sarsmortiusa

i più visti




casa, immobiliare
motori
Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia

Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.