Incubo per la commessa di una gioielleria in provincia di Brindisi che sarebbe stata violentata dal rapinatore che l'ha tenuta in ostaggio per mezz'ora dopo averla malmenata. L'uomo, Vincenzo Leo, di 23 anni, di Brindisi è stato arrestato in flagranza durante la rapina.

Nel corso dell'interrogatorio di convalida dell'arresto, i magistrati gli hanno contestato anche il reato di violenza sessuale. In queste ore i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Milto Stefano De Nozza, stanno cercando di ricostruire esattezza cosa sia avvenuto nel retrobottega dell'oreficeria. La donna è ricoverata con prognosi di 30 giorni.

Il 23enne, che era detenuto ai domiciliari per altre rapine ed era ospite di una comunità del posto, era entrato in gioielleria armato con coltello e forbici. All'interno c'erano due commesse, una delle quali incinta che era riuscita a fuggire e dare l'allarme. L'altra era rimasta per più di 30 minuti ostaggio dell'uomo che l'aveva picchiata, afferrata per i capelli e trascinata in una stanza sul retro. I carabinieri armati di mitra hanno fatto irruzione e liberato la dipendente che è stata poi soccorsa dai sanitari del 118.

2013-12-07T15:14:22.99+01:002013-12-07T15:14:00+01:00truetrue1426116falsefalse4Cronache/cronache4131059114262013-12-07T15:14:23.053+01:0014262013-12-07T16:23:35.837+01:000/cronache/incubo-per-una-commessa-rapinata-violentata071213false2013-12-07T15:23:08.84+01:00310591it-IT102013-12-07T15:14:00"] }
A- A+
Cronache
carabinieri
 

Incubo per la commessa di una gioielleria in provincia di Brindisi che sarebbe stata violentata dal rapinatore che l'ha tenuta in ostaggio per mezz'ora dopo averla malmenata. L'uomo, Vincenzo Leo, di 23 anni, di Brindisi è stato arrestato in flagranza durante la rapina.

Nel corso dell'interrogatorio di convalida dell'arresto, i magistrati gli hanno contestato anche il reato di violenza sessuale. In queste ore i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Milto Stefano De Nozza, stanno cercando di ricostruire esattezza cosa sia avvenuto nel retrobottega dell'oreficeria. La donna è ricoverata con prognosi di 30 giorni.

Il 23enne, che era detenuto ai domiciliari per altre rapine ed era ospite di una comunità del posto, era entrato in gioielleria armato con coltello e forbici. All'interno c'erano due commesse, una delle quali incinta che era riuscita a fuggire e dare l'allarme. L'altra era rimasta per più di 30 minuti ostaggio dell'uomo che l'aveva picchiata, afferrata per i capelli e trascinata in una stanza sul retro. I carabinieri armati di mitra hanno fatto irruzione e liberato la dipendente che è stata poi soccorsa dai sanitari del 118.

Tags:
commessabrindisi
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.