A- A+
Cronache
Istigazione al suicidio, 30mila querele contro i governi Letta e Monti

di Giuseppe Iudici

Una class action di cittadini si uniscono sul social facebook e creano un evento in sordina ma il risultato e' inaspetteto dai organizzatori, 30.000 cittadini si recano alle stazioni dei carabinieri e depositano l'esposto-querela chiedendo alle procure se vi siano responsabilita', da parte delle ultime due legislature , inerenti i suicidi di chi e' colpito dalla crisi ipotizzando "l'istigazione al suicidio" art. 580 c. p.

La notizia inizialmente viene data in esclusiva da Affaritaliani il 12 gennaio con un mio articolo ricevendo 5.000 like , che fa ben sperare nella continuita' della iniziativa e il web impazza riportando l'articolo, da qui i tg nazionali e la7 che invita gli organizzatori ma ad un certo punto NESSUNO piu' aggiorna l'evoluzione di chi pone speranze in questa iniziativa che comincia a far paura a qualcuno.

Adesso e' arrivato il momento di avere "CORAGGIO", lo si chiede ai giornalisti e direttori e lo si chiede sopratutto ai "GIUDICI" che per Berlusconi hanno processato per ben 34 volte con poco successo , migliaia di italiani non possono essere oscurati e pare che non abbiano intenzioni di fermarsi, i prossimi colpi saranno sempre legati a responsabilita' di istituzioni ed enti , spesso equitalia e banche nel centro del mirino e vedremo in che rotta questa grande barca dei cittadini si dirigera' e una cosa l'hanno capita:"REMARE UNITI" e' per loro unica soluzione di reagire e rimanere vivi in questa guerra silenziosa, vogliono che i media ne parlino perche' gli italiani possano avere la possibilita' di sapere e di querelare , chiedono coraggio perche' giustizia sia fatta, rimangono sul legale ma in tanti pronti ad una rivoluzione che in Italia nessuno sa' come farla e se l'indifferenza della politica a non attuare aiuti alla famiglia persistera', la disperazione fara' il suo corso.

Cari Giudici avete anche Berlusconi in questa querela, perche' non approfittarne oppure, come tutti vogliono pensare, usate la giustizia per i diritti della gente e cari Giudici FATEVI SENTIRE, dalla pagina dell'evento leggo indiscrezioni che il popolo un risultato lo ha ottenuto: UNA PROCURA HA IL FASCICOLO" ma lascio ad un post l'indiscrezione e la sua verita' pensando che possa essere una speranza o verita'. CORAGGIO ALLORAda parte di tutti, affaritaliani lo ha, la gente che ha denunciato anche, ora tocca a chi ancora non ha reagito e stato affianco di questi temerari che comunque qualcosa lo hanno fatto, la protesta adesso esce anche da internet con banchetti in strada dove tanta gente dichiara di non sapere nulla di questa iniziativa e si fa accompagnare alle stazioni dei carabinieri per presentare l'esposto, tanta voglia di reagire tutto made in CITTADINI . Commenti di chi ha fatto la querela: STO MEGLIO ORA!

Tags:
istigazionesuicidioletta
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.