A- A+
Cronache
Ergastolo ai killer del pedofilo. "Non ci pentiamo, lo rifaremmo"

Sono stati condannati per un omicidio, ma sono soddisfatti. Perché hanno ucciso un pedofilo: "Lo rifaremmo di nuovo". Così hanno reagito alla condanna all'ergastolo Jeremy Lee Moody e la sua compagna Christine in Aula in Tribunale a Union, negli Stati Uniti. La coppia ha ucciso lo scorso luglio Charles Parker, 59 anni, e la moglie Gretchen, 51 anni.

Secondo gli investigatori, i due killer farebbero parte di un’associazione online chiamata "Crew 41" e avrebbero deciso di uccidere Parker perché autore di violenze sessuali ai danni di una ragazza disabile di 31 anni e di un bambino. Dopo la condanna all’ergastolo, i Moody hanno detto: "Non ci pentiamo, lo rifaremmo ancora". Si sono baciati sulle labbra e si sono scambiati abbracci e sguardi compiaciuti.

Tags:
killerpedofilocondannabaciabbracci
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.