A- A+
Cronache

 

Molti inchiostri per tatuaggi e colori per il trucco permanente sono altamente pericolosi. I prodotti sono diffusi soprattutto in Svizzera. I laboratori cantonali di Argovia e Basilea, che hanno analizzato 60 campioni nel 2012, hanno trovato da ridire per i due terzi di essi e ne hanno proibito oltre la metà.

Dei 26 inchiostri per tatuaggi testati, 22 hanno dato luogo a critiche, un tasso "estremamente alto" dell'85%. L'81% di questi inchiostri sono ora vietati. Questi tassi elevati sono dovuti al fatto che i due laboratori si sono concentrati su produttori che avevano già una dubbia reputazione o che non erano ancora stati testati.

Diversi tipi d'inchiostro che figurano sulla lista nera dell'Ufficio federale della sanità pubblica si trovavano fra i campioni esaminati. Dei 34 colori per il trucco permanente analizzati, la metà sono stati giudicati problematici e un terzo è stato vietato.

Le analisi, condotte unicamente per i prodotti di nuovi studi o di studi che non erano ancora stati testati in precedenza, mostrano che i loro titolari "di regola non si preoccupano per nulla delle esigenze legali", scrive il laboratorio di Basilea.

Due inchiostri esaminati contenevano idrocarburi aromatici policiclici (noti anche con gli acronimi IPA o HAP), che sono cancerogeni. Proibiti in Svizzera, si trovano principalmente nell'inchiostro nero. Un inchiostro giapponese ne conteneva 100 volte di più del limite autorizzato in Europa.

Tags:
tatuaggitrucchisalutetossici

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.