A- A+
Cronache

 

influenza aviaria

"A causa della crisi economica internazionale abbiamo meno soldi per prevenire il virus dell’influenza aviaria ". Lo dice Joun Lubroth, veterinario e capo dell’Organizzazione dell’Onu per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao) che si trova a Roma.

 "Son preoccupato perchè i governi, nella condizione attuale non sono in grado di reagire” continua. "Servono investimenti urgenti o l'epidemia di influenza aviaria potrebbe ripetersi". La Fao lancia un nuovo allarme salute a livello mondiale.

Secondo gli esperti dell'organizzazione, infatti, l'influenza aviaria non è stata debellata e, senza controlli, potrebbe tornare a far danni anche lontano dai paesi orientali ed arabi dove ormai è diventata endemica. Lo spettro dell'influenza aviaria del 2006 non è quindi scomparso ed anzi, secondo la Fao, aleggia sulle nostre teste. I

l virus H5N1 resta presente, in forma latente ma persistente, in numerosi paesi arretrati. La sua diffusione è quindi ancora possibile e la Fao denuncia la scarsità di fondi destinati dai vari Paesi alla sorveglianza dei propri confini. Nel 2006, anno della pandemia, i danni furono soprattutto economici.

Milioni di polli, oche e altri volatili vennero uccisi per contenere la diffusione del virus che, appunto, veniva trasportato dagli uccelli migratori ma anche da animali da allevamento trasferiti a bordo di vari mezzi da un Paese all'altro.

Un danno, per l'economia mondiale, da 20 miliardi di dollari e che potrebbe ripresentarsi se, come denuncia la Fao, non verranno presi adeguati provvedimenti.

Tags:
influenza aviariainvestimentiprevenzione

i più visti




casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.