A- A+
Cronache
La bugia dei “contagiati”. Da bocciatura all’esame di microbiologia,al 2° anno

Dott. Luca Speciani

Non serve essere virologi, infettivologi o epidemiologi. Basta essere medici per avere chiara la differenza tra un “contagiato” e una persona che “ha incontrato il virus”. Il contagiato è solo colui che presenta i sintomi della malattia. O abbiamo colpevolmente dimenticato i postulati di Koch, distratti da una medicina disumanizzata e ipertecnologica? Ogni giorno entriamo in contatto con decine di virus diversi, quasi sempre innocui. Siamo forse continuamente “contagiati”? Il contagiato è malato. Gli altri sono sani. Sani. E pure protetti. Perché dunque la stampa continua a parlare di “focolai di contagiati”, quando ormai numerose stime ci dicono che quasi un terzo della popolazione ha incontrato il virus costruendone gli anticorpi?

A quale scopo propalare una terminologia menzognera che mantiene alta la paura per un pericolo che appare ormai vinto e debellato? Perché chi prima tanto sbraitava contro le fake news ora ci offre solo il suo silenzio complice? Non è chiaro a tutti che se accettiamo questo inganno, la scuola finirà un giorno dopo essere iniziata? Perché al primo bimbo che avrà 37,5 di febbre faranno il test all’intera classe trovando circa un terzo di “contagiati” e manderanno in quarantena tutti, compresi coloro che con costoro avranno avuto contatti. Magari proponendo il TSO a qualche “contagiato” che fosse per sbaglio andato al lavoro. Se la bugia dei “contagiati” (che sarebbe costata la bocciatura all’esame di microbiologia, al second’anno) nasce da qualche medico o da qualche comitato scientifico prego il nostro ordine nazionale, tanto solerte a chiedere audizioni per il video di “Camici puliti”, a convocare immediatamente i colleghi, evidentemente confusi, che l’hanno suggerita.

Se nasce invece da giornalisti, invito l’ordine o l’AgCom a intervenire con estrema durezza. Il legame purtroppo tra mantenimento dello stato di paura verso SARS-Cov2 e interessi delle aziende farmaceutiche verso la fissazione di nuovi ingiustificati obblighi vaccinali, è forte.Qui si tratta o di incompetenza o di complicità. Se è incompetenza allora non fai né il membro di una task force scientifica né il “giornalista scientifico”. Se si tratta di complicità o di interessi privati devi essere rimosso. Subito. Vi prego, organi istituzionali, intervenite prima che la fiducia che ancora alcuni (sempre meno) ripongono in voi, scenda completamente a zero.Quando tutto ciò che è successo risulterà chiaro, l’ira del popolo ingannato sarà grande. E allora voi che avete perpetrato la finzione per loschi interessi personali, pregherete perché vi siano concessi quei diritti costituzionali minimi che a noi avete cancellato senza alcun motivo.

Loading...
Commenti
    Tags:
    virus contagi
    Loading...
    in evidenza
    Canalis, la lingerie è da infarto Eli sensualissima sul letto. Le foto

    Diletta, Belen e... Le foto delle vip

    Canalis, la lingerie è da infarto
    Eli sensualissima sul letto. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa

    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.