A- A+
Cronache
Anche Camel dice stop al fumo. Sigarette vietate ai dipendenti

"Stop alle sigarette". A dirlo non è un'associazione salutista o un medico, ma una delle più grandi multinazionali del tabacco.  Reynolds American, una delle più grande multinazionali del tabacco, vieta sigarette, pipe e sigari nelle aziende: "Andiamo incontro alle esigenze dei non fumatori". Ma le sigarette elettroniche resta.

Reynolds (che possiede marchi come Camel, Winston e Pall Mall) ha informato mercoledì i suoi dipendenti che a partire dall’inizio del prossimo anno sarà vietato fumare negli uffici, nelle sale conferenza, nei corridoi e negli ascensori di tutti gli edifici dell’azienda.  Escluse, per ora, le sigarette elettroniche.

Il portavoce David Howard ha dichiarato: "Ci stiamo semplicemente allineando alla realtà della nostra società". Il gruppo Altria, che possiede la più grande società del tabacco statunitense, la Philip Morris, e il suo marchio principale, Marlboro, vieta il fumo già da un po’ di tempo. Tuttavia, la proibizione è limitata alle fabbriche agli ascensori e ai corridoi, non agli uffici.

Tags:
camel
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.