A- A+
Cronache

Sussistono i "gravi indizi di colpevolezza" nei confronti di Valter Lavitola, in relazione all'accusa di tentata estorsione ai danni di Silvio Berlusconi. Lo afferma la seconda sezione penale della Cassazione, spiegando perche', il 12 dicembre scorso, decise di confermare la custodia cautelare in carcere per l'ex direttore dell'Avanti rigettando il ricorso della difesa contro l'ordinanza emessa dal Riesame di Napoli il 20 agosto 2012.

"Appare plausibile" si legge nella sentenza della Suprema Corte depositata oggi, "la conclusione" dei giudici del Riesame, "in base alla quale le emergenze processuali sono tali da confermare che, dopo essersi reso latitante a seguito dell'emissione della misura di custodia cautelare nei suoi confronti per l'ipotizzata estorsione in danno del presidente Berlusconi, Lavitola abbia reiteratamente sollecitato aiuto dall'ex presidente del Consiglio, invitandolo a versargli esplicitamente ingenti somme di denaro, perche' rendesse dichiarazioni all'autorita' giudiziaria a lui favorevoli, relative alle numerose vicende oggetto di indagine, in cui era coinvolto lo stesso presidente". Alla luce di cio', "appare esente da censure logico-giuridiche la valutazione operata" dal Riesame "in ordine alla assoluta attendibilita' del dato probatorio relativo al fatto che, tra le varie richieste di Lavitola, vi fosse anche quella relativa ai 5 milioni di euro".

Per la Cassazione, e' anche "condivisibile" che "a seguito delle incertezze nei comportamenti della parte offesa, rispetto alle pressanti e reiterate richieste di Lavitola, e di fronte anche alle difficolta' oggettive di una sua prolungata latitanza all'estero, si sia determinata una 'torsione' nella qualita' del rapporto tra i due, in particolare nel momento in cui l'odierno ricorrente ha chiaramente capito la volonta' dell'ex presidente Berlusconi di non corrispondere il denaro richiesto": le richieste di Lavitola "perdono la qualita' della sollecitazione", osservano gli 'ermellini', "della domanda di aiuto da barattare con la prospettata versione addomesticata dei rapporti intercorrenti tra i due personaggi, per assumere - si legge nella sentenza - cadenze temporalmente piu' ravvicinate e contenuti ultimativi, aggressivi, e minacciosi". La situazione "di fatto rappresentata - conclude la Corte - appare riconducibile alla categoria degli indizi e non a quella delle congetture, trattandosi di elementi di fatto verificabili e verificati, non di opinioni".

CASSAZIONE,SU ESTORSIONE A BERLUSCONI COMPETENTE NAPOLI - E' degli uffici giudiziari di Napoli la competenza sul procedimento nei confronti di Valter Lavitola per tentata estorsione ai danni di Silvio Berlusconi. Lo sottolinea la seconda sezione penale della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza con cui il 12 dicembre scorso decise di confermare la custodia in carcere per l'ex direttore dell'Avanti.

La Suprema Corte ha rigettato il ricorso della difesa contro l'ordinanza emessa dal Riesame di Napoli il 20 agosto 2012, anche relativamente all'eccezione di incompetenza territoriale: secondo la difesa, il giudice competente sarebbe quello di Monza, poiche' "l'ultimo atto in base al quale si radicherebbe la competenza sarebbe quello commesso dal coimputato Carmelo Pintabona, in occasione della sua visita ad Arcore, quando avrebbe portato a conoscenza del presidente Berlusconi il contenuto delle minacce". Di diverso avviso i giudici di piazza Cavour: "non e' noto il luogo in cui il reato in parola (tentativo di estorsione) sia stato consumato - si legge nella sentenza - essendo la fattispecie relativa ad un reato a consumazione prolungata, in cui concorrono piu' soggetti, tutti coinvolti nella fase esecutiva della stessa, tutti residenti in luoghi diversi". Dunque, "non essendo individuabile il luogo in cui e' stato compiuto l'ultimo atto diretto a commettere il delitto ritenuto" dal Riesame e "non essendo applicabile neppure la regola suppletiva relativa alla residenza degli indagati - sottolinea la Cassazione - e' necessariamente competente territorialmente il tribunale di Napoli, in considerazione della prima iscrizione, essendovi inoltre elementi rilevanti che fanno fondatamente ipotizzare come la commissione di una parte dell'azione sia comunque avvenuta a Napoli". Sul punto, infine, concludono gli 'ermellini', "l'ipotizzata continuazione con la vicenda Tarantini, oggetto d'indagine da parte della procura di Roma, viene dedotta in modo assolutamente generico e privo di qualsiasi elemento ulteriore di valutazione".

Tags:
lavitolaberlusconiestorsione
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.