A- A+
Cronache

di Renato Pierri
 
“India, ragazza stuprata e uccisa: processo per i cinque sospettati. Rischiano la pena di morte” (Adnkronos – 8 gennaio). Sono contrario alla pena di morte. La ragione mi dice che se l’omicidio è un gravissimo male, lo è sempre. Uno Stato che condanna l’omicidio, non può commettere omicidio, giacché commette il male gravissimo che condanna. Solo nel caso della legittima difesa, l’omicidio trova una sua giustificazione, giacché si è costretti ad uccidere per salvare la propria vita o la vita di altri, ma anche in questo caso l’omicidio non diventa un bene, resta un male.

Un male che si è costretti a compiere. Quando penso però alle sofferenze indicibili di quella giovane donna innocente seviziata e uccisa, gettata fuori dall’autobus in corsa come uno straccio che non serve più, lo sdegno e la rabbia hanno il sopravvento sulla ragione e mi viene da pensare che la legge del taglione in questo caso sarebbe giusta. Agli aguzzini prima della morte dovrebbero essere inflitti gli stessi tormenti che ha subito la sventurata studentessa. Per fortuna non tutti sono cattivi come me. Persone buone e cristiane come Bruno Volpe (Pontifex), tanto per fare un esempio, oppure come il sacerdote don Piero Corsi, potrebbero anche ragionare così: “Il crimine degli stupratori è senz’altro da condannare, si consideri però che la studentessa con la sua presenza li ha provocati. C’era proprio bisogno d’andare in giro di sera col suo fidanzato? ”.
 

Tags:
legge del taglionepena di mortestupro

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.