A- A+
Cronache


Baby squillo a soli 11 anni. E' la storia della piccola brasiliana Leilah, che passa le sue notti a lavorare su un'autostrada brasiliana per meno di 10 dollari a cliente. “Quando abbiamo finito spesso mi buttano fuori dall’auto. A volte mi fanno scendere con calma, a volte invece mi lanciano direttamente sul cemento“. La scoperta è merito del giornalista inglese Matt Roper che, incuriosito mentre guidava sull'autostrada brasiliana, ha scelto di fermarsi rimanendo scioccato da quanto ascoltato. "Non è la sola, e le più piccole hanno appena 8 o 9 anni", spiega Roper. "La maggior parte di loro sono costrette dalle famiglie a prostituirsi".

Lilian, per esempio è stata abbandonata dalla mamma e costretta a lavorare sulla strada dai suoi vicini di casa. Mara, 16 anni, venduta al padrone di casa in cambio di cibo, quando è rimasta incinta è stata costretta ad abortire. Il reporter ha individuato 262 bambine in attesa di clienti lungo l’autostrada, in media una ogni 10 miglia.

Tags:
leilahprostituiscootto euro
in evidenza
Faro Consob sui movimenti nel capitale: Mediobanca fa +34%

Rumors

Faro Consob sui movimenti nel capitale: Mediobanca fa +34%

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.