A- A+
Cronache

"Ritorniamo in India rispettando la parola data, fiduciosi nella giustizia". Sono le parole pronunciate dai due fucilieri del Reggimento San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, subito prima di imbarcarsi sul volo che li riportera' a Kochi "nel pieno rispetto degli impegni assunti dal governo" - sottolinea la Marina militare - ed "in accordo con quanto richiesto dalle autorita' indiane". Una lunga giornata, quella vissuta da Latorre e Girone a conclusione delle due settimane di "licenza" natalizia (su cauzione) trascorse con le rispettive famiglie.

Assistiti dagli avvocati Carlo Sica e Giacomo Aiello dell'Avvocatura dello Stato, si sono presentati negli uffici della procura di Roma per rilasciare "dichiarazioni spontanee" - raccolte dal procuratore aggiunto, Giancarlo Capaldo, e dal sostituto Elisabetta Ceniccola - su quanto accaduto il 15 febbraio 2012. L'interrogatorio - al quale hanno assistito anche i carabinieri del Ros - e' durato circa 5 ore: al termine i due, trattenuti da circa dieci mesi in India con l'accusa di aver ucciso due pescatori durante un'operazione antipirateria, hanno lasciato piazzale Clodio passando per i sotterranei e sono poi saliti a bordo di un furgone senza rilasciare dichiarazioni. Nessuna indiscrezione sul contenuto della deposizione anche se i due maro' hanno sempre sostenuto di aver sparato in aria dalla "Enrica Lexie" come avvertimento poiche' un'imbarcazione non si era fermata nonostante gli avvisi lanciati dalla motonave nel timore che si trattasse di pirati. Inoltre, Latorre e Girone hanno sempre detto che l'episodio e' avvenuto in acque internazionali a sud dell'India.

La procura della capitale, competente per i reati commessi da italiani all'estero, aveva aperto un fascicolo con l'accusa di omicidio volontario nei confronti dei due militari: e' stata anche inviata una rogatoria per via diplomatica alle segreterie indiane chiedendo una relazione su quanto contestato ma nessuna risposta, al momento, e' giunta ai magistrati italiani. L'aereo che sta riportando Latorre e Girone in India - in attesa della sentenza della Suprema Corte locale chiamata a pronunciarsi sulla giurisdizione del caso - e' decollato alle 17 dall'aeroporto militare di Ciampino. La partenza e' avvenuta in forma strettamente privata: off limits per giornalisti ed operatori tv l'accesso allo scalo.

Tags:
maròindiaprocuramilitari

i più visti




casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022

Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.