A- A+
Cronache

 

elefantessa nelly 01

La autorità del Kenya hanno sequestrato oltre 600 pezzi di avorio, per un peso complessivo dei due tonnellate, nella città portuale di Mombasa. Secondo la polizia: "Erano etichettate come 'pietre decorative' e destinate all'Indonesia attraverso la Tanzania”.

Il responsabile delle operazioni del porto, Gitau Gitau ha confermato il sequestro, precisando che non sono stati effettuati arresti. Due settimane fa le aurotità di Hong Kong avevano sequestrato oltre una tonnellata di avorio per un valore di circa 1,4 milioni di dollari (poco più di 1 milione di euro) in un carico proveniente dal Kenya.

Il commercio di zanne di elefanti è vietato dal 1989. Ma contrabbandieri senza scrupoli alimentano il mercato a causa della forte domanda che arriva dall’Asia, in particolare da Cina, Giappone e Medioriente dove l’avorio è utilizzato come ornamento o per la medicina tradizionale.

La popolazione di elefanti in Africa è diminuita moltissimo negli ultimi anni. E il bracconaggio ha raggiunto numeri da record. Una famiglia di 11 esemplari è stata ammazzata la settimana scorsa, uno dei più gravi massacri di pachidermain degli ultimi 20 anni

Tags:
kenyaelefantiavorio

i più visti




casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.