A- A+
Cronache
Massimo Bossetti vuole uscire dal carcere. L'istanza

L'istanza di scarcerazione di Massimo Bassetti e' stata depositata al tribunale di Bergamo. Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni, avvocati dell'uomo in carcere da quasi due mesi con l'accusa di avere sequestrato e ucciso Yara Gambirasio, sono arrivati intorno alle 11.40 per presentare l'atto. Non si sa ancora quali siano le basi della richiesta.

Una "rilettura critica dell'ordinanza di custodia cautelare". Questo il contenuto del documento presentato stamattina alla cancelleria del tribunle di Bergamo dagli avvocati di Massimo Bossetti, in carcere per l'omicidio di Yara Gambirasio. Si tratta di un'istanza di scarcerazione che, hanno chiarito i legali Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni, non contiene elementi nuovi rispetto a cio' che contiene l'ordinanza emessa lo scorso 16 giugno, ma solo una rilettura critica dei dati che hanno portato alla decisione di arrestare Bossetti. Ordinanza di cui si chiede la revoca o la modifica.

Tags:
massimo bassetti
in evidenza
Estate in crisi. Inattesa svolta Arrivano fresco e forti piogge

Meteo, cambia tutto

Estate in crisi. Inattesa svolta
Arrivano fresco e forti piogge


in vetrina
Dott, ampliato il servizio di bike sharing a Parma

Dott, ampliato il servizio di bike sharing a Parma





casa, immobiliare
motori
Dacia Jogger debutta sul mercato italiano

Dacia Jogger debutta sul mercato italiano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.