A- A+
Cronache
McDonald's choc, eroina venduta nelle confezioni dell'Happy Meal

Shantia Dennis aveva scelto un metodo originale per il suo traffico di droga. Si era "rvolta" ad una multinazionale come il McDonald's. Anche se a sua insaputa. La donna, infatti, usava le confezioni di Happy Meal, teoricamente destinate ai bambini, per spacciare eroina.

Shantia, che lavorava nel McDonald's di Pittsburg, in Pennsylvania, oltre a patatine fritte e sorpresine 'arricchiva' le confezioni con la potente droga. Per acquistarle bastava fermarsi alla finestra del drive in e usare la frase in codice 'id like to buy a toy' (vorrei comprare un giocattolo) ed ecco servito il 'l'allegro pasto'. La donna, 26 anni, è stata incastrata da agenti in incognito i quali hanno trovato confezioni di Happy Meal con all'interno una decina di bustine di eroina della grandezza di un francobollo.

Altre cinquanta erano in possesso della dipendente. Non è ancora chiaro come la droga arrivasse al McDonald's nè da quanto andasse avanti l'attività e nè tantomeno l'azienda di fast food per ora ha rilasciato una dichiarazione ufficiale.

Tags:
mcdonald'seroinahappy meal
in evidenza
Estate in crisi. Inattesa svolta Arrivano fresco e forti piogge

Meteo, cambia tutto

Estate in crisi. Inattesa svolta
Arrivano fresco e forti piogge


in vetrina
Dott, ampliato il servizio di bike sharing a Parma

Dott, ampliato il servizio di bike sharing a Parma





casa, immobiliare
motori
Dacia Jogger debutta sul mercato italiano

Dacia Jogger debutta sul mercato italiano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.