A- A+
Cronache
Salute, in arrivo le pillole per renderci più intelligenti

Possiamo letteralmente ingerire informazioni. Una volta che le informazioni sono nel sangue, un meccanismo posto nel cervello ci farà apprendere tutto più in fretta. Questo il futuro che ci attende. E non è più solamente fantascienza.

Alcuni passi avanti in questa direzione sono stati presentati durante una conferenza scientific tenuta da Nicholas Negroponte , fondatore del Media Lab, già insegnante presso il prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT). Ma il mondo scientifico ri8mane diviso circa la reale fattibilità di questo cenere di pillole. Secondo alcuni neurologi, infatti, è impossibile riprodurre con l'approccio clinico l'apprendimento "naturale", anche conoscendo i meccanismi molecolari e cellulari che si verificano nel cervello.

"Ma al di là della fattibilità, ciò che è interessante di questa affermazione è l'immagine Negroponte dell'essere umano", ha detto Daniela Cerqui, docente e ricercatore presso l'Università di Losanna. Insomma, il cervello umano sarebbe simile a un computer che viene utilizzato per memorizzare ed elaborare le informazioni.

 Ma no solo, secondo questo tipo di ricerche le 'pillole intelligenti' da ingoiare ogni mattina saranno capaci di rilevare ogni variazione interna dell'organismo e di trasmettere i dati acquisiti ad un dispositivo esterno vicino. Il medico che ci visita potrebbe consultare i dati immagazzinati nel dispositivo e conoscere i cambiamenti interni che si sono avuti nell'ultima settimana o negli ultimi 360 giorni.

Anche questo tipo di progresso lo si deve alle ricerche di Nicholas Negroponte, che ha introdotto la teoria della convergenza fra atomi e bit destinata, secondo lui, a giungere a compimento nei prossimi 10 anni. Le 'smart pills' sono già state sperimentate e si sta lavorando sulla possibilità di comunicare con le cellule umane inviando informazioni attraverso microscopici pezzi d'oro che, deglutendo, finirebbero nello stomaco, dove agirebbero come antenne. "Il futuro è molto più vicino di quanto non crediamo, e siamo solo agli inizi. Il punto di partenza è sotto gli occhi di tutti, lo si è raggiunto mettendo potenze di calcolo in oggetti piccolissimi - spiega Negroponte - Il passo successivo è collegare, attraverso la connettività, gli oggetti più diversi, saranno sempre di più gli esempi in cui delle unità ottengono informazioni dalla rete".

Tags:
pilloleintelligentimedicina
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.