A- A+
Cronache

Di Gianni Toffali 

Anche Rita Levi Montalcini ha deciso di farsi cremare. A prima vista la scelta tra inumazione e cremazione appare priva di connotazioni ideologiche. In realtà optare tra l’una e l’altra soluzione, implica visioni della vita e della religione completamente opposte. A preferire la cremazione, nella stragrande maggioranza dei casi, sono gli atei, gli agnostici, i razionalisti e gli illuministi. Chi predilige l’inumazione, sono invece i credenti di tutte le religioni. Il movente è dunque inequivocabilmente religioso. Per non creare imbarazzi alla cerchia di amici e parenti, chi decide di farsi cremare giustifica la scelta con argomentazioni di carattere ecologico ambientale.

Ovviamente la verità, checché non manifestata, è altra. Per comprendere le vere ragioni della cremazione, bisogna muovere da lontano. Gli atei, che forse per “pudore” preferiscono farsi chiamare laici (la stessa Montalcini si definiva tale), in realtà credono a Dio più dei praticanti. La prova? Gli “atei laici” dedicano l’esistenza a combattere le religioni, le chiese, i fedeli, le opere di Dio (la vita nascente) e Dio stesso. Se un ateo non credesse in Dio, non si curerebbe minimante delle sue “cose” e delle sue opere. Ergo: il zelante impegno contro le “divinità”, è l’inoppugnabile prova della credenza degli atei. Come spiega la filosofia, i cosiddetti “non credenti” non ammettono di riconoscersi quali figli di Dio.

Probabilmente per il fatto che la filosofia seria e gli studi scientifici non sono ancora riusciti a dimostrare che l’uomo è nato dal caso, gli “atei credenti” si sono rassegnati (anche se l'orgoglio impedisce loro di ammetterlo) a riconoscersi creati da un Creatore. Per l’uomo moderno che ha fatto del proprio io un Dio (vedi l’illusione di ricreare in laboratorio la vita umana), “smacco” considerato un grave oltraggio. Assodato dunque che gli atei sono dei “diversamente credenti” invidiosi di non essere Dio, quale migliore chance di praticare la cremazione (vale a dire la distruzione di un corpo "partorito" da Dio) quale ultimo “schiaffo” inferto all’odiato Padre Creatore?

 

Tags:
rita levi montalcinicremazionefunerale

i più visti




casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.