A- A+
Cronache
Morto ex Prima Linea Sandalo. Portò Cossiga alla sbarra
Il Presidente Francesco Cossiga con Nelson Mandela, 1990

Roberto Sandalo verrà seppellito nella tomba di famiglia, al cimitero di Costigliole d'Asti. La vedova dell'ex terrorista, morto mercoledì per cause naturali nel carcere di Parma all'età di 57 anni, ha avviato le pratiche per la sepoltura nella tomba di famiglia, accanto ai genitori, dell'uomo che, con le sue confessioni, permise di smantellare la formazione terroristica di Prima Linea. Di origini astigiane, Sandalo scontava 9 anni per una serie di attentati contro luoghi di culto islamici.

Con le sue confessioni ha permesso di smantellare Prima Linea, la formazione terroristica composta prevalentemente da studenti nata da una costola di Lotta Continua. Ha messo in crisi il sistema politico italiano, decretando la caduta di Carlo Donat Cattin e mettendo l’allora presidente del consiglio, Francesco Cossiga, in una situazione difficilissima, fino a sfiorare la crisi di sistema.

Tags:
ex prima lineasandalo
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.