A- A+
Cronache

Ariel Castro si e' dichiarato colpevole e ha accettato la sentenza che lo condanna a mille anni di carcere. L'uomo che rapi' e sevizio' per lunghi anni Amanda Berry, Gina De Jesus e Michelle Knight ha deciso per un patteggiamento che gli consente di evitare l'incontro con il boia.

cleveland imputati 500

Guarda la gallery

Dallo stupro su Amanda nacque Jocelyn, che per sei anni fu costretta a vivere in prigionia nella casa di Cleveland, da cui sono state liberate solo tre mesi fa.

L'ex autista di Cleveland, 53 anni, e' comparso in tribunale con l'uniforme carceraria. "Si, lo capisco", ha risposto al giudice che gli chiedeva se avesse capito che il patteggiamento non lo avrebbe piu' fatto uscire dal carcere. Le imputazioni contro Castro sono 977, tra le quali, appunto, quelle di sequestro e stupro.

Le tre donne furono rapite tra il 2002 e il 2004 per rivedere la liberta' il 6 maggio scorso. Le donne erano state tenute anche in catene, picchiate e ridotte alla fame, picchiate, ma grazie al patteggiamento non saranno costrette a ricordare in aula quegli anni di orrore. La procura aveva anche incriminato Castro per il reato di omicidio poiche' una delle prigioniere aveva abortito diverse volte.

Tags:
mostro clevelandamanda berrygina de jesusmichelle knightariel castro
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.