A- A+
Cronache

 

coca cola pepsi

Morta per overdose. L'eronina però non c'entra. Natasha è morta perchè beveva troppa Coca Cola.

Trent'anni, madre di otto figli è rimasta uccisa da un attacco di aritmia cardiaca provocata da un consumo smodato della nota bibita a base di bollicine e caffeina.

L'episodio è avvenuto nel 2010 in Nuova Zelanda, ma il coroner David Crerar ha recentemente stabilito con certezza che a provocare il decesso è stata proprio la dipendenza dalla bibita più famosa del mondo. Natasha beveva fino a dieci litri di Coca Cola al giorno, assumendo più del doppio del limite massimo accettabie dall'organismo di caffeina e quasi un chilo di zuccheri.

"Se non fosse stato per il consumo di quantità molto grandi di Coca Cola è improbabile che sarebbe morta quando è morta e nel modo in cui è morta", ha detto il magistrato, che ha anche consigliato al governo della Nuova Zelanda di imporre un limite sul consumo di bibite dolci. Quella della Harris, così come ha raccontato il suo compagno, era una vera e propria dipendenza: "Se non beveva Coca Cola era di cattivo umore, soffriva di mal di testa e si sentiva priva di energia". Nel periodo precedente alla morte, continua, "non aveva energia e sentiva nausea tutto il tempo. La mattina si alzava e vomitava".

Tags:
coca colanuova zelandaoverdose

i più visti




casa, immobiliare
motori
 Spoticar lancia la phygital experience

 Spoticar lancia la phygital experience


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.