A- A+
Cronache

 

violenza donna

Crescono le denunce per i reati di stalking in Italia: una media di circa 30.000 denunce all’anno di cui una settantina al giorno. Un’indagine condotta nel 2011 dall’Osservatorio Nazionale sullo Stalking ha fatto emergere dati allarmanti: un italiano su cinque ne è vittima (il 20% della popolazione); gran parte delle vittime non segnala lo stalker per sfiducia nelle autorità, o per paura di non essere tutelata nella fase successiva alla denuncia, o ancora per ‘aiutare’ il persecutore, spesso un ex-partner o un conoscente. La legge non prevede il patrocinio gratuito per tutte le vittime né un percorso psicologico di sostegno al persecutore, e uno stalker su tre continua a perseguitare la vittima dopo la denuncia, talvolta perfino dopo la condanna, spesso con un’intensità e una ferocia ancora maggiori.

Proprio con lo scopo di dare un sostegno concreto alle vittime di questo odioso reato, nasce SOS Stalking. L’iniziativa, promossa dall’avvocato Lorenzo Puglisi, unitamente ad un team di avvocati e psicologi che da anni svolgono la propria attività nell'ambito del diritto di famiglia, nasce con l'intento di fornire un supporto ad ampio raggio alle vittime di reati che riguardano, più o meno direttamente, la sfera familiare o quella affettiva: stalking, molestie, minacce, violenze private, violenze sessuali o maltrattamenti in famiglia sono solo alcune delle condotte per le quali viene fornita assistenza.

 

Lorenzo Puglisi 1L'avvocato Lorenzo Puglisi

“A giudicare dai dati e dalle segnalazioni che ci pervengono quotidianamente, possiamo ritenere che SOS Stalking rappresenti già un punto di riferimento per le vittime di condotte persecutorie, oltre che uno strumento per accorciare le distanze con i professionisti del settore, avvocati e psicologi, che attraverso skype mettono a disposizione degli utenti le proprie competenze - commenta l’avvocato Puglisi, Presidente dell’Associazione – I nostri professionisti sono in grado di dare una risposta immediata a chiunque si trovi in difficoltà”.

Nel capoluogo lombardo lo stalking incide sul 21% della popolazione con telefonate (65%) o pedinamenti (30%). Ma se l'87% delle volte la vittima conosce l'autore, solo nel 20% dei casi lo denuncia, mentre il 17% mostra indifferenza. Il 30% vive stati di forte ansia, il 33% preoccupazione e il 20% soffre di disturbi del sonno.

Gli step da seguire per entrare in contatto con SOS Stalking sono molto semplici:

Richiesta di aiuto tramite la home page del sito www.sos-stalking.it, con due differenti modalità: è possibile inviare un messaggio a cui si riceverà risposta entro le 48 ore successive, oppure chiamare gratuitamente via Skype e parlare direttamente con l’avvocato o con la psicologa nei giorni prestabiliti.

Consulenza: il primo incontro si tiene con l’avvocato e la psicologa negli uffici di SOS Stalking per valutare insieme come affrontare al meglio la situazione.

Assistenza legale gratuita: viene valutata la possibilità di denunciare direttamente lo stalker o quella di farlo ammonire dal questore.

Tags:
sosstalkingimpresa

i più visti




casa, immobiliare
motori
Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva

Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.