La Polizia di Verona, di concerto con l'autorita' giudiziaria, ha fermato la madre del bimbo di 14 mesi morto oggi nella citta' veneta. Gli inquirenti, sentite diverse testimonianze e valutato anche il rischio di una fuga, ha disposto il fermo della donna, una quarantenne uruguaiana, che coi sanitari aveva ipotizzato che il piccolo fosse andato in shock anafilattico, mentre il bimbo presentava delle ecchimosi al volto.

Neonato morto a Verona: aveva lividi sul viso - Un bimbo di appena 14 mesi e' morto stamattina a Verona e, in attesa dell'autopsia, la polizia sta raccogliendo le spiegazioni della madre, perche' il piccolo aveva dei lividi sul volto. I poliziotti delle volanti, infatti, sono intervenuti, su segnalazione arrivata da parte della sala operativa del 118, a casa di una donna, dove i sanitari erano intenti a praticare le manovre rianimatore in soccorso del bimbo. Quest'ultimo, per le gravi condizioni in cui versava, e' stato trasportato presso il cittadino Ospedale Civile Maggiore, dove, purtroppo pero' e' giunto oramai cadavere. La squadra mobile di Verona sta ora lavorando per meglio accertare la dinamica di quanto accaduto al piccolo precedentemente ai soccorsi, anche perche' che lo stesso presentava dei lividi al volto. E proprio per capire chi o cosa abbia provocato al bambino quei lividi che la Polizia in queste ore sta raccogliendo, per poi passarle al vaglio, le spiegazioni della madre, una donna uruguaiana di 40 anni, che ha personalmente allertato il soccorso sanitario telefonando al 118. Di fondamentale importanza, a tale riguardo, sara' l'esame autoptico del corpicino del bimbo morto che l'autorita' giudiziaria disporra' nelle prossime ore per chiarire le cause esatte del decesso.

2013-12-04T17:35:05.077+01:002013-12-04T17:35:00+01:00truetrue1006116falsefalse4Cronache/cronache4131016310062013-12-04T17:35:05.137+01:0010062013-12-04T19:13:04.653+01:000/cronache/neonato-verona-041213false2013-12-04T17:54:14.443+01:00310163it-IT102013-12-04T17:35:00"] }
A- A+
Cronache
polizia7011111
 

La Polizia di Verona, di concerto con l'autorita' giudiziaria, ha fermato la madre del bimbo di 14 mesi morto oggi nella citta' veneta. Gli inquirenti, sentite diverse testimonianze e valutato anche il rischio di una fuga, ha disposto il fermo della donna, una quarantenne uruguaiana, che coi sanitari aveva ipotizzato che il piccolo fosse andato in shock anafilattico, mentre il bimbo presentava delle ecchimosi al volto.

Neonato morto a Verona: aveva lividi sul viso - Un bimbo di appena 14 mesi e' morto stamattina a Verona e, in attesa dell'autopsia, la polizia sta raccogliendo le spiegazioni della madre, perche' il piccolo aveva dei lividi sul volto. I poliziotti delle volanti, infatti, sono intervenuti, su segnalazione arrivata da parte della sala operativa del 118, a casa di una donna, dove i sanitari erano intenti a praticare le manovre rianimatore in soccorso del bimbo. Quest'ultimo, per le gravi condizioni in cui versava, e' stato trasportato presso il cittadino Ospedale Civile Maggiore, dove, purtroppo pero' e' giunto oramai cadavere. La squadra mobile di Verona sta ora lavorando per meglio accertare la dinamica di quanto accaduto al piccolo precedentemente ai soccorsi, anche perche' che lo stesso presentava dei lividi al volto. E proprio per capire chi o cosa abbia provocato al bambino quei lividi che la Polizia in queste ore sta raccogliendo, per poi passarle al vaglio, le spiegazioni della madre, una donna uruguaiana di 40 anni, che ha personalmente allertato il soccorso sanitario telefonando al 118. Di fondamentale importanza, a tale riguardo, sara' l'esame autoptico del corpicino del bimbo morto che l'autorita' giudiziaria disporra' nelle prossime ore per chiarire le cause esatte del decesso.

Tags:
neonato verona
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.