A- A+
Cronache

 

penadimorte11

Clamorosa e inattesa sentenza capitale in Indonesia contro una cittadina britannica di 56 anni, madre e nonna.

La donna è stata condannata a morte per narcotraffico dalla Corte Distrettuale di Denpasar, sull'isola di Bali. Lo scorso maggio era stata arrestata all'aeroporto internazionale 'Ngurah Rai', il più importante dell'arcipelago, con 4,79 chilogrammi di cocaina nascosti nella valigia.

Un verdetto così pesante è stato una sorpresa: la stessa accusa aveva chiesto per lei 'solo' quindici anni di carcere, definendola meritevole di clemenza perchè aveva ammesso le proprie responsabilità,  e inoltre perchè  durante il processo si era comportata impeccabilmente.

D'altronde la stessa polizia indonesiana le aveva riconosciuto il merito di aver collaborato a sgominare una banda di spacciatori composta da tre suoi connazionali e da un loro complice di nazionalita' indiana. Nulla da fare: uno dei giudici ha escluso la sussistenza di circostanze attenuanti, enfatizzando invece il cumulo delle prove a carico dell'imputata; il presidente del collegio a sua volta ha definito la pronuncia di colpevolezza nei confronti della matura trafficante "convincente e legittima".

Probabile ora il ricorso in secondo grado, che potrebbe condurre magari a un ergastolo.

Tags:
indonesianarcotrafficononnacondanna a morte

i più visti




casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.