A- A+
Cronache
Ombre sul (quasi) beato Papa Paolo VI. "Legato a massoneria e servizi"

Il prossimo 19 ottobre Papa Francesco proclamerà Beato Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini. Dall’anno successivo, la giornata dedicata dalla Chiesa alla celebrazione del ricordo del Papa bresciano potrebbe essere il 29 maggio. Il miracolo a lui attribuito è un fatto del 2001, quando negli Stati Uniti si è verificata la guarigione di un bimbo ancora nella pancia della madre invocando nella preghiera proprio Paolo VI. Ma dietro le luci c'è anche qualche ombra?

Una risposta arriva dal libro di Vincenzo Calcara (curato da Simona Mazza). Calcara, pentito di mafia, è l'uomo che era stato incaricato da Francesco Messina Denaro, il padre di Matteo attuale boss latitante di Cosa Nostra, di uccidere il giudice Paolo Borsellino. Calcara è stato per molti anni addentro alle operazioni di mafia e ha conosciuto anche i legami di Cosa Nostra, in particolare quella trapanese, con pezzi deviati delle istituzioni.

Calcara arriva a descrivere cinque diverse "entità", che a suo dire sarebbero strettamente connesse e coinvolte in molti dei misteri e delle stragi che hanno afflitto la storia italiana del secondo dopoguerra. Cosa Nostra, 'ndrangheta, Massoneria, Servizi Segreti deviati e Chiesa: ecco le cinque entità di cui parla Vincenzo Calcara anche nel suo libro "Le cinque entità rivelate a Paolo Borsellino".

Da sempre la Chiesa cattolica si considera inconciliabile con la massoneria. Ma, sul piano del potere temporale, le commistioni d'interessi e le frequentazioni con le logge segrete sono esistite, come prova il sodalizio finanziario tra monsignor Paul Casimir Markincus, patron dello Ior, e i piduisti Roberto Calvi e Michele Sindona.

Più volte e da più parti si è parlato di Paolo VI come di un massone. Don Villa, nemico giurato del cardinale Montini, scoprì che, sulla porta di bronzo della Basilica di San Pietro raffigurante lo stesso pontefice, Paolo VI era rappresentato con una stella a cinque punte sulla mano, vale a dire un pentalfa massonico, che fu poi prontamente rimosso.

Nel suo libro Calcara scrive che Paolo VI faceva parte "dell'Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro quando era ancora cardinale". Lui, insieme al cardinal Macchi, erano secondo Calcara in testa alla cosiddetta "Entità del Vaticano", in grado di influenzare la vita politica ed economica italiana. Secondo quanto racconta Calcara lo stesso Vaticano ebbe un ruolo nella morte di Roberto Calvi, "attorno a cui vi erano dei Massoni collegati a Cosa Nostra".

Calcara racconta di un incontro tra esponenti delle diverse entità: "Erano presenti tutti: Bernardo Provenzano, Francesco Messina Denaro, il vero braccio destro del Triumvirato della Commissione di Cosa Nostra, il potente uomo politico, il Cardinal Macchi, il notaio Albano, Francesco Nirta di San Luca... entrarono uno a uno come se stessero adempiendo a qualche prassi burocratica, per presenziare a una squallida cena 'statale', dove il potere era di casa (...) Dopo i soliti convenevoli, si misero attorno al tavolo accuratamente imbandito e iniziarono a parlare. Ricordo che quel giorno erano tutti incazzati con Calvi. Fra le altre cose il Cardinale Macchi, riferendosi al Dott. Calvi, pronunciò questa frase: 'Gli ho garantito la mia protenzione facendo ricadere la colpa su Marcinkus, ma questo indegno non ha creduto! Lui è molto furbo". "Con queste parole", conclude Calcara, "si era decretata definitivamente la condanna a morte del Dott. Calvi".

LO SPECIALE MAFIA DI AFFARI

PARLA IL FRATELLO DI EMANUELA ORLANDI/ "Nemmeno Papa Francesco vuol dire la verità"

PARLA IL PM DI MATTEO/ "Spero sia l'ultimo tentativo di spostare il processo. Verso di noi diffidenze istituzionali"

LE RIVELAZIONI DELL'EX CARABINIERE/ Moro, Br, Alkamar e... Le verità di Renato Olino

CASO ALKAMAR/ 22 anni in carcere da innocente. Giuseppe Gulotta racconta la sua storia

L'INTERVISTA 1/ Segreti sulle stragi, Imposimato: "Ma quale revoca, a me non danno gli atti su Moro"

L'INTERVISTA 2/ "I Grandi Architetti vogliono farmela pagare". Tutte le verità di Massimo Ciancimino

L'INTERVISTA 3/ "Così dovevo uccidere Borsellino". Parla il pentito di mafia Vincenzo Calcara

L'INTERVISTA 4/ Salvatore Borsellino: "Lo Stato non difende Di Matteo. Sul bomb jammer Alfano ambiguo"

L'INTERVISTA 5/ L'avvocato Giorgio Carta: "Complicato difendere Masi. Altri carabinieri potrebbero parlare"

L'INTERVISTA 6/ Sonia Alfano: "La trattativa tra Stato e mafia continua ancora"

L'INTERVISTA 7/ Il pm Nino Di Matteo: "Amnistia? Un aiuto alla mafia. Possibile un ritorno alle stragi"

L'INTERVISTA 8/ "Mio figlio operò Provenzano ed è stato ucciso da mafia e Servizi". La storia del medico Attilio Manca

L'INTERVISTA 9/ Da Moro a Falcone, dal Kgb alla Cia. Le verità di Imposimato sulle stragi

L'INTERVISTA 10/ Parla Amato, l'ex direttore del Dap: "Lo Stato ha ceduto alla mafia"

L'INTERVISTA 11/ Il procuratore di Lecce Cataldo Motta: "Concede prestiti e dà lavoro. Ecco perché la Scu ha consenso sociale"

L'INTERVISTA 12/ Il magistrato anticamorra Raffaele Cantone: "La verità sul rapporto tra calcio e mafia"

L'INTERVISTA 13/ Angelo Jannone, il primo infiltrato nella 'ndrangheta: "Vita dura, colpa di leggi e pm"

IL RETROSCENA 1/ "Bloccarono le mie indagini su Provenzano e Messina Denaro". E ora rischia l'espulsione dall'Arma. L'inquietante storia di Saverio Masi

IL RETROSCENA 2/ La mafia non lo voleva a Trapani, lo Stato lo trasferisce. La vicenda di Giuseppe Linares 

IL RETROSCENA 3/ Ipotizza doppia bomba e mano dei Servizi a Capaci. Rimosso il pm antimafia Donadio

Iscriviti alla newsletter
Tags:
paolo vimassoneriamafia
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





casa, immobiliare
motori
In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.