A- A+
Cronache
Castel Gandolfo, Papa Franc

Papa Francesco continua sulla linea dei predecessori. Il Papa, al Regina Coeli di domenica, ha invitato a “garantire protezione giuridica all'embrione, tutelando ogni essere umano sin dal primo istante della sua esistenza”, apprezzando l'iniziativa europea “Uno di noi”, raccolta di firme per la difesa dell'embrione.

INSIEME PER LA VITA- E il 15-16 giugno si terrà in Vaticano la “Giornata dell'Evangelium Vitae”, che – come spiega monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova evangelizzazione - “offrirà ai fedeli di tutto il mondo l'opportunità di riunirsi, insieme al Santo Padre, in una comune testimonianza del valore sacro della vita: la vita degli anziani, degli ammalati, degli agonizzanti, dei non ancora nati, di coloro che vivono afflitti fisicamente e mentalmente e di tutti coloro che si trovano nella sofferenza”. Non solo: “Questo evento sarà anche l'occasione per celebrare, affermare e incoraggiare coloro che così dolcemente si abbandonano a seguire i passi del Buon Pastore provvedendo ai bisogni fisici, emozionali, psicologici e spirituali di chi è anziano, disabile, ammalato, non nato o sofferente”.

LA BATTAGLIA CONTRO LE MONACHE PROGRESSISTE- Francesco, per il momento, sta dunque seguendo a grandi linee l'impostazione del pontificato di Joseph Ratzinger. L'esempio più lampante è la Curia, rimasta al momento uguale a quella ereditata da Ratzinger e specie nel "nodo" più scottante, ossia l'Istituto per le Opere di Religione (IOR), la Banca Vaticana. La differenza più “appariscente” è nei gesti che compie e nello stile, nettamente diverso rispetto a quello del Papa emerito. Ma niente di più: prova ne sia che Jorge Mario Bergoglio sta affrontando con decisione un dossier rimasto aperto da tempo, ossia ricondurre all'ortodossia (o alla ragione, dipende dai punti di vista) le suore progressiste della LCWR, Leadership Conference of Women Religious, l’organizzazione che rappresenta l’80% delle 57.000 suore americane. Un gruppo agguerrito e mediaticamente molto capace che ha da tempo assunto posizioni molto progressiste in tema di questioni morali ed etiche. Posizioni che da un anno e più – come Affaritaliani ha già scritto – stanno contrapponedo il Vaticano e l'associazione americana.

L'INCONTRO CON LA CDF- Il 15 aprile scorso una delegazione della LCWR, guidata dalla presidentessa suor Florence Deacon, ha incontrato il prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede Gerhard Ludwig Müller, che ha in gestione la vicenda. Müller è stato chiaro, raccontano le sorelle in una dichiarazione stampa: ha sottolineato l'insegnamento del Vaticano II sulle religiose – che devono promuovere una visione di comunione ecclesiastica basata sulla fede in Cristo e l'insegnamento della Chiesa alla luce del Magistero – e poi ha chiarito un punto fondamentale, il ruolo della LCWR. Che come tale deve promuovere sofrzi comuni tra i suoi membri (e i relativi istituti di appartenenza) in cooperazione la locale Conferenza Episcopale e i singoli vescovi. E che una realtà come LCWR resta sotto la direzione della Santa Sede. Traduzione: le sorelle, per quanto progressiste, devono abbandonare questa linea e rientrare sotto la guida completa del Vaticano. Perché Roma non gradisce affatto – e lo dice Müller con levigata assolutezza – le fughe in avanti delle suore yankee. Non gradimento che è condiviso anche dal Papa, con cui Müller si è incontrato prima del meeting con la delegazione americana. Interessante notare la chiusura del comunicato diffuso dalla CDF: “E' sincero desiderio della Santa Sede che quest'incontro possa aiutare a promuovere la testimonianza integrale delle religiose, basata su una salda base di fede e amore cristiano, allo scopo di preservarlo e rinforzarlo per l'arricchimento della Chiesa e della società per le prossime generazioni a venire”. No, care sorelle: decisamente Roma non ci sta.

Antonino D'Anna

Tags:
francescovaticanoratzinger
Loading...
in vetrina
Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Fase 2, gli sconfitti sono i cani Nostalgia delle uscite in lockdown

Coronavirus vissuto con ironia

Fase 2, gli sconfitti sono i cani
Nostalgia delle uscite in lockdown


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.