A- A+
Cronache
Papa: non c'e' posto nella Chiesa per chi commette pedofilia

"Non c'e' posto nel ministero della Chiesa per coloro che commettono abusi sessuali; e mi impegno a non tollerare il danno recato a un minore da parte di chiunque, indipendentemente dal suo stato clericale. Tutti i vescovi devono esercitare il loro servizio di pastori con somma cura per salvaguardare la protezione dei minori e renderanno conto di questa responsabilita'". Cosi' Papa Francesco nell'omelia di Santa Marta, alla quale hanno partecipato sei vittime di pedofilia da parte del clero. Il Pontefice ha aggiunto: "Continueremo a vigilare sulla preparazione al sacerdozio. Conto sui membri della Pontificia Commissione per la Protezione dei Minori, tutti i minori, a qualsiasi religione appartengono, sono i piccoli che il Signore guarda con amore".

E ancora: "Chiedo perdono anche per i peccati di omissione da parte dei capi della Chiesa che non hanno risposto in maniera adeguata alle denunce di abuso presentate da familiari e da coloro che sono stati vittime di abuso".

"Questo, inoltre - ha continuato il Pontefice -, ha recato una sofferenza ulteriore a quanti erano stati abusati e ha messo in pericolo altri minori che si trovavano in situazione di rischio. D'altra parte, il coraggio che voi e altri avete dimostrato facendo emergere la verita' e' stato un servizio di amore, per aver fatto luce su una terribile oscurita' nella vita della Chiesa".

Preti pedofili, Papa Francesco incontra le vittime degli abusi sessuali - Oggi è una giornata molto importante ma dolorosa per Papa Francesco che incontra in Vaticano un gruppo di vittime di abusi sessuali da parte del clero, provenienti da alcuni paesi del mondo. Non c'e' una conferma ufficiale dell'appuntamento, ma lo stesso Papa aveva annunciato nell'aereo che lo riportava da Gerusalemme la sua intenzione di celebrare "prossimamente" a Santa Marta per alcune persone abusate sessualmente da sacerdoti e religiosi. E il sito "Il Sismografo", informato in tempo reale sull'attivita' di Francesco, ha fatto sapere che "li accogliera' per ascoltare le loro esperienze e certamente per manifestare la sua vicinanza e per ribadire una linea di 'tolleranza zero' per chi commette tali misfatti". Le vittime di abusi arriveranno da Gran Bretagna, Stati Uniti e Polonia. L'incontro con il Papa sarà in forma privata, e Francesco offrira' ai suoi ospiti la possibilita' di raccontare la loro sofferenza. Alla messa parteciperanno anche altri fedeli.

 Lo scorso 26 maggio, sull'aereo, Bergoglio parlo' in questi termini: "l'abuso dei minorenni e' un reato tanto brutto. Noi sappiamo che e' un problema grave dappertutto, ma a me interessa la Chiesa. Un sacerdote che fa questo tradisce il Corpo del Signore, perche' questo ragazzo, questa bambina si fida, e il sacerdote invece di portarli alla santita', abusa di loro. Questo e' gravissimo! E' come fare una messa nera: devi portarlo alla santita' e lo porti a un problema che durera' tutta la vita". "Prossimamente - ecco la sua promessa - ci sara' una messa con alcune persone che hanno subito abusi, a Santa Marta, e poi una riunione con loro: io e loro, con il cardinale O'Malley che e' della commissione". Secondo Francesco, "su questo si deve andare avanti, avanti con la tolleranza zero".

L'incontro del Papa con i sopravvissuti si svolgerà nel contesto della seconda riunione della Pontificia Commissione per la tutela dei minori. La commissione, che tra gli altri membri annovera anche Marie Collins, vittima e testimone diretta di abusi in Irlanda, ha il compito di lavorare in accordo con il Papa per garantire giusti provvedimenti nei confronti dei fautori della violenza e opportune risoluzioni affinche' il fenomeno non continui ad adombrare l'opera di evangelizzazione e spritualita' della Chiesa. L'organismo istituito da Francesco, in un comunicato ha precisato lo scorso 3 maggio: "mentre iniziamo insieme il nostro servizio, desideriamo esprimere la nostra profonda solidarieta' a tutte le vittime che hanno subito abusi sessuali come bambini o come adulti vulnerabili, e desideriamo rendere noto che, dall'inizio del nostro lavoro abbiamo adottato il principio che il bene di un bambino o di un adulto vulnerabile e' prioritario nel momento in cui viene presa qualsiasi decisione".

Tags:
papapretipedofili
in evidenza
Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

Diletta, Wanda... che foto

Kardashian, lato B o lato A?
E il tatto di lady Vale Rossi...

i più visti
in vetrina
Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando

Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando





casa, immobiliare
motori
Successo per il primo Peugeot Electric Experience,

Successo per il primo Peugeot Electric Experience,


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.