A- A+
Cronache

Un parto per strada. Può sembrare una notizia curiosa, ma è divenuto un dramma per una giovane indiana incinta che stava recandosi in ospedale per partorire a Gurgaon, citta' satellite di New Delhi, a causa del traffico intenso ha dato alla luce tre neonate a bordo di un 'tuc tuc' (riscio' a motore) a Gurgaon, due delle quali pero' sono morte.

Il giornale The Times of India precisa che le prime neonate sono venute alla luce quando l'automezzo era ancora lontano dall'ospedale civile della citta', mentre la terza lo ha fatto proprio all'ingresso del centro medico. Il marito della donna, Yadram di 32 anni, si e' preso tutta la responsabilita' dell'accaduto. ''E' stata solo colpa mia e del traffico - ha sostenuto - e quanto e' successo e' solo la volonta' di Dio. Abbiamo impiegato un'ora e mezza per un percorso che in condizioni normali si copre in 30-40 minuti''.

I medici dell'ospedale hanno confermato che due neonate sono morte nonostante gli sforzi dei medici per salvarle, mentre la terza, che pesa solo 800 grammi e che e' nel reparto di rianimazione, comunque ce la fara'. La mamma, di nome Sunita e che ha gia' una figlia di un anno e mezzo, non corre pericolo di vita.

Tags:
bimbiindiaparto

i più visti




casa, immobiliare
motori
Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.