SPARI P.CHIGI: VOLANTINI IN VALSUSA INNEGGIANO A PREITI, RIMOSSI Volantini che esprimono solidarieta' con il gesto di Luigi Preiti, l'uomo che domenica ha sparato a due carabinieri davanti Palazzo Chigi a Roma: sono stati affissi nella notte da alcuni sconosciuti a Bussoleno (Torino), in Val di Susa. Li hanno rinvenuti i carabinieri. Il titolo del volantino, "Gli spari sopra", cita una canzone del cantante Vasco Rossi. Il gesto non e' stato rivendicato. Tutti i manifesti sono stati rimossi.

 

 

Attentato Chigi

Guarda la gallery
2013-05-03T08:32:18.383+02:002013-05-03T08:32:00+02:00truetrue956116falsefalse4Cronache/cronache412852469572013-05-03T08:32:18.447+02:009572013-05-03T09:17:02.84+02:000/cronache/preiti-suicidio-carabinieri-sparatoria-roma030513false2013-05-03T09:13:26.623+02:00285246it-IT102013-05-03T08:32:00"] }
A- A+
Cronache


Per il gip del tribunale di Roma, Bernadette Nicotra, l'azione compiuta da Luigi Preiti davanti a palazzo Chigi domenica mattina lascia ipotizzare il reato di plurimo tentato omicidio premeditato. E' quanto sostiene lo stesso giudice Nicotra nel provvedimento, di una ventina di pagine, con il quale ha convalidato l'arresto Preiti e accolto la tesi della procura di Roma.


La premeditazione, sempre secondo il gip, si evincerebbe dagli stessi fermi immagine estrapolati dai filmati delle telecamere che hanno inquadrato l'intera sparatoria in piazza Colonna. Tesi quella del gip respinta dai difensori di Preiti, gli avvocati Mauro Danielli e Raimondo Paparatti, che stanno valutando di impugnare il provvedimento. Secondo i difensori, infatti, non e' provata la premeditazione e non e' ancora del tutto chiara la dinamica dei fatti.

Aveva pensato di suicidarsi in albergo ma poi ha desistito pensando che sarebbe stato interpretato come uno dei tanti suicidi legati alla crisi, quindi la decisione di compiere un gesto eclatante in un giorno importante, forse sperando che sarebbero state le forze dell'ordine ad ucciderlo. Coså Luigi Preiti, l'uomo che domenica mattina ha sparato davanti palazzo Chigi ferendo due carabinieri, secondo quanto riferito dai suoi legali duranti l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Bernadette Nicotra. L'atto istruttorio, durato circa quattro ore, ß stato svolto ieri a Rebibbia dove il 49enne è detenuto. Al termine dell'interrogatorio il gip ha convalidato l'arresto e disposto la detenzione in carcere, coså come chiesto dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e dal sostituto Antonella Nespola.

 

Tentato omicidio di tre carabinieri, porto e detenzione di arma clandestina e ricettazione. Questo i reati contestati dalla Procura a Preiti, con le aggravanti della premeditazione e dell'aver agito contro pubblici ufficiali in servizio di ordine pubblico. Durante l'interrogatorio di garanzia, coså come riferiscono i legali di Preiti, gli avvocati Mauro Danielli e Raimondo Paparatti, il 49enne in lacrime ha riferito che aveva anche pensato di suicidarsi nell'hotel Concorde vicino alla stazione Termini dove ha passato la notte tra sabato e domenica, quella prima della sparatoria. Poi la scelta di andare davanti palazzo Chigi e i sette colpi. Quando i carabinieri lo disarmarono, secondo quanto riferito dai legali, immobilizzandolo sul selciato, avrebbe chiesto ai militari "perchá non mi avete sparato?". Secondo gli avvocati del 49enne, questi si aspettava che l'azione finisse con la propria morte. I due legali hanno chiesto al gip di "valutare la compatibilitÖ del regime carcerario con lo stato di alterazione in cui si trova Preiti" anche in considerazione del trattamento farmacologico cui ß sottoposto. I penalisti hanno annunciato che chiederanno a breve una perizia psichiatrica sul loro assistito. Quanto alla pistola Preti ha ribadito di averla acquistata "circa quattro anni fa al mercato nero di Genova e di averla portata con se' in Calabria all'insaputa di tutti". Nel corso dell'interrogatorio l'ex piastrellista ha di nuovo chiesto scusa ai carabinieri: "Non ce l'avevo con loro ne' con un politico in particolare", avrebbe detto - e si è informato sulle condizioni del brigadiere Giuseppe Giangrande, il militare rimasto gravemente ferito nella sparatoria.
 

VOLANTINI IN VALSUSA INNEGGIANO A PREITI, RIMOSSI - Volantini che esprimono solidarieta' con il gesto di Luigi Preiti, l'uomo che domenica ha sparato a due carabinieri davanti Palazzo Chigi a Roma: sono stati affissi nella notte da alcuni sconosciuti a Bussoleno (Torino), in Val di Susa. Li hanno rinvenuti i carabinieri. Il titolo del volantino, "Gli spari sopra", cita una canzone del cantante Vasco Rossi. Il gesto non e' stato rivendicato. Tutti i manifesti sono stati rimossi.

 

SPARI P.CHIGI: VOLANTINI IN VALSUSA INNEGGIANO A PREITI, RIMOSSI Volantini che esprimono solidarieta' con il gesto di Luigi Preiti, l'uomo che domenica ha sparato a due carabinieri davanti Palazzo Chigi a Roma: sono stati affissi nella notte da alcuni sconosciuti a Bussoleno (Torino), in Val di Susa. Li hanno rinvenuti i carabinieri. Il titolo del volantino, "Gli spari sopra", cita una canzone del cantante Vasco Rossi. Il gesto non e' stato rivendicato. Tutti i manifesti sono stati rimossi.

 

 

Tags:
preitiromasparatoria
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.