A- A+
Cronache
Processo Ruby, Csm sanziona il pm Fiorillo. Barbara Guerra: "Il vestito da poliziotta? Non ad Arcore"

L'ormai famosa foto della showgirl Barbara Guerra travestita da poliziotta-sexy "non è stata scattata ad Arcore, ma in un locale di corso Como a Milano, per la festa di Halloween, dove ero con il mio fidanzato". Lo ha raccontato la ragazza che lo ha voluto "sottolineare" nel corso della sua testimonianza nel processo Ruby bis a carico di Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. "Era una foto scattata dal mio cellulare, che invece è stata riportata come una foto fatta ad Arcore e per questo ho già sporto querela", ha aggiunto.

GUERRA, VOLEVO RISARCIMENTO DA MINETTI,MI BASTANO SCUSE - Nell'aula del processo Ruby - bis a carico di Lele Mora, Nicole Minetti ed Emilio Fede l''olgettina' Barbara Guerra ha chiarito le ragioni che l'hanno spinta a ritirare nei giorni scorsi la costituzione di parte civile contro l'igienista dentale. "Mi ero costituita contro di lei perche' ero arrabbiata dopo avere letto in internet che disse che ero una escort nel giro di Tarantini - ha spiegato, rispondendo alle domande del Tribunale e del pm - volevo da lei un risarcimento. Ma ora vivo da tre anni una situazione non facile sul lavoro e ho deciso di svoltare dopo questa brutta cosa, ero stanca di vedermi sui giornali accusata di essere una escort".

La soubrette ha chiarito che c'e' un accordo tra i suoi legali e quelli della Minetti per cui l'ex consigliera regionale si impegna a mandarle una lettera di scuse. "Ha ricevuto un risarcimento da parte della Minetti o di terze persone?", le ha chiesto il pm Antonio Sangermano. "No", ha risposto Guerra. Il presidente del collegio, Anna Maria Gatto, ha domandato alla Guerra perche' non abbia querelato la Minetti quando si senti' offesa dalle sue dichiarazioni e l'ormai ex parte civile ha risposto: "Perche' volevo un risarcimento e ho pensato 'vado contro di lei come parte civile'". La Guerra ha invece detto di non sapere per quale ragione si fosse costituita con un atto praticamente identico al suo, Iris Berardi: "Non lo so, anche se eravamo vicine di casa e conoscenti, lei e' una persona e io un'altra". Al momento la Berardi e' ancora parte civile nel processo che vede imputati Mora, Fede e Minetti per induzione e favoreggiamento della prostituzione.

PG CASSAZIONE, PM FIORILLO VA SANZIONATA - Va inflitta la sanzione disciplinare della censura al pm per i minorenni di Milano, Antonietta Fiorillo, per le sue dichiarazioni rilasciate alla stampa, in cui il magistrato contestava la versione dei fatti fornita dall'allora ministro dell'Interno, Roberto Maroni, su quanto accadde la notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, quando Ruby venne portata in Questura e poi affidata a Nicole Minetti. Questa la richiesta del sostituto pg di Cassazione, Elisabetta Cesqui, avanzata davanti alla Sezione disciplinare del Csm.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
rubyprocessofede
in evidenza
Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

La Divina vuota il sacco

Gravidanza e bacio a Rosolino
Fede Pellegrini, la verità

i più visti
in vetrina
E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche





casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.