A- A+
Cronache
roberta ragusa

Ormai nessuno la cerca più viva. Seguendo le segnalazioni degli spettatori, 'Chi l'ha visto' ha disegnato una mappa dei luoghi dove potrebbe essere occultata la salma di Roberta Ragusa, della cui scomparsa è attualmente accusato solo il marito Antonio Logli.

Tra i posti non ancora scandagliati c’è un tunnel in via Giacomo Matteotti, a Gello, a pochissimi chilometri dalla casa di Roberta. Poi bisognerebbe cercare in alcuni cumuli di letame a un chilometro da casa Logli.

Se il corpo fosse stato nascosto qui sotto la possibilità di trovare qualcosa sarebbero scarse.Infatti il letame ha proprietà corrosive ed è anche usato per macerare le carogne di animali. E ancora, dei cantieri aperti su via Dini, un'area ecologica in via Gigli, sempre vicino alla casa dei Logli, le varie discariche di zona e un grande cassone per la raccolta dell'immondizia vicino alla piccola stazione di San Giuliano.

Scartata invece l'ipotesi dell'inceneritore, poiché l'impianto è sorvegliato da una telecamera 24 ore su 24 e dispone di un foro troppo piccolo per introdurre un corpo umano.

Secondo quanto emerso ci sarebbe un testimone che giura di aver visto Antonio Logli e una donna (forse la stessa Roberta) litigare davanti a casa. L’uomo avrebbe costretto sua moglie ad entrare in macchina. Poi, secondo l’ipotesi dell’accusa, l’avrebbe portata in un posto isolato e l’avrebbe uccisa.

''La mia convinzione è che sia stato un omicidio premeditato, perché non è facile far sparire un cadavere in poche ore''. Lo ha detto il procuratore di Pisa, Ugo Adinolfi, facendo il punto sulle indagini. Per la prima volta si è cominciato a parlare di premeditazione del delitto.

Secondo ciò che ha affermato la Procura di Pisa, nel delitto sarebbe coinvolto Antonio Logli, marito della donna e unico iscritto nel registro degli indagati

Tags:
ragusaloglipremeditatocorpo

i più visti




casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.