A- A+
Cronache

di Mariella Alberini

La situazione di sofferenza economica negli istituti Ospedalieri Italiani resta prioritaria anche mentre lo tzunami nel Monte Paschi di Siena polarizza i Media. E gli Italiani adesso hanno capito dove possono finire i sofferti 3,9 miliardi di euro erogati per la sciagurata IMU. O vadano comunque dispersi fra gli sperperi della procellosa economia italica, ritmata da ammanchi miliardari.

Il fatto che le ASL non abbiano i soldi per rimborsare gli Ospedali e li metta in condizione di non poter far fronte al sacrosanto dovere di curare gli Italiani va ricercato nello spaventoso esubero di dipendenti che assorbono le risorse della Sanità pubblica. Non è mai esistito in Italia uno “stipendificio” come La Sanità pubblica che è diventata di gran lunga la massima “impresa” nazionale. Ne’ le Ferrovie, ne’ le Poste, ne’ le Forze Armate hanno mai avuto un tale surplus di dipendenti.

E’ cosa nota: la priorità degli esborsi deve privilegiare la paga ai dipendenti, poi le tangenti, poi gli sprechi e quel che resta finalmente arriva, sempre in ritardo, agli Enti ospedalieri che curano il popolo. Unico, urgentissimo rimedio, tagliare personale non medico o paramedico che forma il “tumore” burocratico più assurdo della Sanità. Si tratta di un antico male italiano: alla fine dell’Ottocento fu messo in risalto il caso di un ospedale della Basilicata che aveva il personale triplo rispetto al numero dei pazienti.

Sovente la nostra Sanità periferica, in particolare al sud, è tanto carente di qualità da spingere una moltitudine di Italiani verso gli Istituti eccellenti del Centro Nord: i quali oggi, insieme a tutti gli altri, traballano per mancanza dei fondi necessari previsti. Emerite personalità medico-scientifiche cercano sbocchi all’estero nel timore del loro futuro: danno irreversibile per tutta la nazione. Paventiamo che per ogni personalità scientifica persa, il vuoto sarà riempito da privilegiati protetti politicamente, ma digiuni di scienza e di qualifica.

Brividi di paura serpeggiano fra il popolo e in tutta la categoria medici. E’ di INDISPENSABILE URGENZA una RIVOLTA GENERALE dei principali Dirigenti Clinici di tutti i Centri Ospedalieri del Paese: imperativo creare una forte scossa nelle coscienze sporche dei responsabili della burocrazia più mostruosa e inefficiente d’ Europa. Una burocrazia in metastasi in tutti i gangli vitali della nostra nazione.

m.alberini@iol.it

Tags:
sanitàburocraziaasl

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.