A- A+
Cronache
kljScreen shot dal Corriere del Veneto

Rumeni e musulmani. Questi gli "obiettivi" delle scritte xenofobe apparse sulla facciata della basilica di Cortina d'Ampezzo. "Musulmani al rogo", si legge. Varie frasi razziste sono apparse sui muri della città da un giorno all'altro, in tutto il centro storico. Bersagli anche le persone di colore e i rom.

L'autore delle scritte è stato individuato dopo una serie di indagini. Si tratta di un 50enne del luogo.  L’uomo,  una volta portato in commissariato, ha subito confessato l’accaduto motivando il gesto con l’insofferenza verso lo Stato italiano che, secondo lui, offrirebbe maggiori tutele agli extracomunitari che ai  cittadini.

"Nella notte a Cortina sono comparse delle scritte meschine di tipo razzista - spiega il sindaco Andrea Franceschi al Corriere del Veneto - voglio dire forte e chiaro che il razzismo può nascere solo nelle menti bacate di persone che si trovano già ai margini della società per i propri fallimenti esistenziali. Non si parli quindi di razzismo a Cortina, ma di un gruppetto di mentecatti che mi auguro verranno assicurati alla giustizia quanto prima. L’identità non deve mai essere una porta chiusa, ma un balcone da cui affacciarsi sul mondo esterno. Chi ama veramente la propria cultura, la propria religione e il proprio mondo, accoglie con rispetto e curiosità chi viene da fuori. Chi usa i nostri valori come strumento di discriminazione è il primo ad infrangerli e deve quindi essere considerato per quello che è: un inutile idiota".

Il sacrestano della parrocchia cortinese ha provveduto a cancellare le scritte con acqua calda e detersivo.

Tags:
basilicamusulmanicortina

i più visti




casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.