A- A+
Cronache

di Luigi Esposito

Dieci anni fa l’imam radicale egiziano Abu Omar fu rapito a Milano da dieci agenti della Cia che lo trasferirono in Egitto dove avrebbe subito interrogatori e torture. Nel 2003 eravamo in piena emergenza terroristica internazionale e le attività investigative fiorivano. Ieri per quell’esecrabile vicenda sono stati condannati a dieci anni di reclusione l’allora capo del Sismi, generale Pollari, a nove anni l’allora numero tre del servizio segreto militare e a sei anni tre agenti Sismi. Condannati in media a sette anni di prigione in via definitiva ventidue agenti Cia che a vario titolo parteciparono al sequestro.

La vicenda è molto delicata in quanto vige il segreto di Stato apposto da ben tre governi di vari orientamenti politici, Prodi, Berlusconi e Monti. Tanto che nel 2009 Il tribunale di Milano, sulla base delle indicazioni ricevute dalla Corte Costituzionale, aveva rinunciato a giudicare gli uomini del Sismi, così come fece poi nel 2011 il primo processo d’Appello. A settembre del 2012 invece la Cassazione annullando questo giudizio d’Appello ne ordinava uno nuovo. Giunto appunto ieri. Ma venerdì scorso il governo Monti aveva già sollevato dinanzi alla Corte Costituzionale il quarto conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato proprio contro questa interpretazione settembrina della Cassazione.

La corte d’Appello di Milano senza attendere l’esito della Consulta ha pronunciato però le sue condanne. Se i governi appongono ripetutamente il segreto di Stato sulla vicenda, rifiutando anche di richiedere l’estradizione degli agenti Cia latitanti un motivo c’è di sicuro: è quello della sicurezza nazionale. Gli uomini del Sismi, Pollari è stato per ben cinque anni a capo del servizio di sicurezza militare, si dichiarano estranei ed innocenti, così come l’intero Servizio, ma non possono scagionarsi per via del segreto di Stato. Devono insomma accettare di finire in prigione e di ricevere questa ricompensa dalla società che hanno tutelato e preservato. Altra cosa sarebbe se avessero compiuto reati comuni, ma in questo caso si trovano al centro di una diatriba tra governo e magistratura per la gestione e l’interpretazione del perimetro del segreto di Stato.

Il dossier non è stato ben gestito neppure dai tre governi che si sono alternati. E a questo punto la vergogna è che a finire schiacciati sono i diritti civili dei servitori dello Stato e la mancata prigionia per i responsabili del sequestro dell’iman egiziano avvenuto sul territorio italiano. Il prossimo governo dovrebbe anche chiarire il ruolo del Belpaese visto che gli americani continuano a sostenere che gli stati europei che hanno collaborato nella cosiddetta rendition, la detenzione illegale, sono ben trentacinque e che le operazioni erano concordate.

Tags:
sismipollaricondanne

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.