A- A+
Cronache

 

cellino

Sono stati arrestati stamane Massimo Cellino, presidente del Cagliari Calcio, Mauro Contini e Stefano Lilliu, rispettivamente sindaco e assessore allo Sport del comune di Quartu (Cagliari), nell'ambito dell'inchiesta della procura di Cagliari sui lavori di adeguamento dello stadio di Is Arenas, dove la squadra sta disputando le partite casalinghe di serie A.

Le misure cautelari, firmate dal gip di Cagliari Giampaolo Casula su richiesta del pm Enrico Lussu titolare dell'inchiesta sullo stadio di Is Arenas, sono state eseguite questa mattina all'alba dal nucleo regionale di polizia giudiziaria del Corpo forestale. I tre arrestati sono gia' stati portati nel carcere di Buoncammino.

Gli arresti eccellenti di oggi seguono quelli, il 29 novembre scorso, di due dirigenti del comune di Quartu e di un imprenditore incaricato dei lavori. I primi due, Pierpaolo Gessa, dirigente dei Lavori pubblici, e Andrea Masala, erano finiti in carcere per falso e tentato peculato, mentre Antonio Grussu, titolare della societa' Andreoni, era stato condotto ai domiciliari. Gessa aveva lasciato Buoncammino per i domiciliari poco dopo l'interrogatorio di garanzia (i cui verbali sono stati secretati), mentre Masala e' stato scarcerato dopo due mesi, il 5 febbraio scorso. Al centro dell'inchiesta c'e' l'utilizzo di fondi del Pia, piano integrato d'area per la zona di Is Arenas, quartiere periferico di Quartu che circonda lo stadio. Secondo l'accusa, parte dei finanziamenti sarebbero stati impiegati per far realizzare alla Andreoni alcune strutture dell'impianto sportivo, dal basamento della tribuna principale alla recinzione con porte antipanico e tornelli. Le spese, invece, sarebbero dovute essere a carico del Cagliari Calcio. La societa' si e' sempre dichiarata estranea. Il gip di Cagliari che a novembre ha firmato le prime ordinanze di custodia cautelare aveva pero' parlato di "operazione organizzata sottobanco" e ipotizzato complicita' non solo di funzionari e impiegati con accesso ai documenti dei lavori ma "ancor piu' verosimilmente" di "coloro che rivestono le piu' alte posizioni all'interno dell'amministrazione comunale e delle societa' coinvolte". Gli arresti di oggi sembrano confermare questa linea accusatoria.

I TRE ARRESTATI PER FALSO E TENTATO PECULATO - Sono tutti e tre accusati di falso e tentato peculato il presidente del Cagliari Massimo Cellino, il sindaco di Quartu Sant'Elena, Mauro Contini, e l'assessore Stefano Lilliu arrestati stamattina nell'ambito dell'inchiesta sui lavori nello stadio di Is Arenas. Si tratta delle stesse accuse mosse ai due funzionari del Comune finiti in cella il 29 novembre scorso. Il sindaco di Quartu e' anche accusato di abuso d'ufficio perche' - secondo l'accusa - non avrebbe potuto autorizzare lo svolgimento delle partite casalinghe, di volta in volta, come ha piu' volte fatto.

SINDACO QUARTU COLTO DA MALORE, E' IN OSPEDALE - Il sindaco di Quartu Sant'Elena, Mauro Contini, arrestato stamane assieme a Massimo Cellino e all'assessore Stefano Lilliu, ha avuto un malore mentre veniva trasferito in carcere. E' stato quindi quindi trasportato d'urgenza all'ospedale "Brotzu" di Cagliari con un'ambulanza del 118.

Tags:
stadioquartucellino

i più visti




casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.