A- A+
Cronache

Una sentenza davvero importante. L’Europa finalmente riconosce che in Italia si discriminano gli uomini, non si tutelano affatto i diritti dei papà separati e di conseguenza anche i diritti dei loro bambini: padri depressi che finiscono sul lastrico e figli che rimangono senza padre e senza tutele morali e materiali. L’effetto della sentenza di Strasburgo è stato molto forte.

Tutti i quotidiani e agenzie ne parlano. «i tribunali non sono stati all’altezza» - motiva la Corte di Strasburgo, e ancora - «la procedura seguita dai tribunali è stata fondata su una serie di misure automatiche e stereotipate» riferendosi con “automatiche” ai moduli prestampati del Ministero della Giustizia nei quali vi è già scritto in sostanza che “la madre terrà casa e figli” e la parte puntinata lasciata a discrezione del giudice resta solo quella destinata alla quantificazione dell’assegno (“il padre dovrà corrispondere …….. euro) e del tempo massimo entro cui dovrà lasciare la casa famigliare (“il padre dovrà lasciare la casa famigliare entro ….... giorni”), davvero sconcertante.

Con “stereotipate” invece ci si riferisce all'ovvio fatto di stabilire nel divorzio un genitore migliore (affidatario o collocatario) ed uno peggiore (relegato ai margini e spesso totalmente escluso per lunghi anni, come in questo caso) esclusivamente in base al sesso (quello femminile) anche senza alcuna valutazione di eventuali meriti e demeriti famigliari e personali, e soprattutto in clamorosa violazione dell’Art.3 della Costituzione, dell’uguaglianza civile, e di qualsiasi forma di buon senso. I danni di questa discriminazione sono incalcolabili e le conseguenze future saranno ancora più evidenti.

FABIO BARZAGLI

Responsabile Nazionale del Network Sociale Paternita.Info

Tags:
strasburgoitaliapadri separati

i più visti




casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.