A- A+
Cronache
stupro12

Le studentesse del distretto indiano di Pondicherry dovranno obbligatoriamente indossare un soprabito. E' una delle misure volute dal governo dell'ex territorio francese per contrastare l'ondata di violenze sessuali che ha colpito tutto il Paese. Lo riferiscono i media indiani, ricordando pero' che la media delle temperature di Pondicherry supera i 30 gradi quasi tutto l'anno.

Intanto a New Dehli cresce la polemica dopo lo stupro di gruppo, avvenuto sull'autobus, che ha portato alla morte di una ragazza di 23 anni. Cinque giovani sono stati incriminati. Il ragazzo che era con la vittima ora parla per la prima volta, con l'agenzia AFP e con una tv locale indiana, e denuncia l'inefficienza della polizia e l'apatia dei passanti. "Per mezz'ora i passanti ci hanno ingorato, nonostante fossimo coperi di sangue dopo un calvario di un'ora su quell'autobus, dal quale siamo stati gettati in strada. Una persona ci ha guardato e non ha nemmeno donato la sua giacca alla mia ragazza". Critiche anche per la polizia, che ci avrebbe messo troppo tempo per decidere di chi fosse la competenza sul caso. Secondo il giovane si sono persi novanta minuti preziosi prima dell'arrivo in ospedale. Attimi che forse avrebbero potuto salvare la vita alla giovane.

 

Tags:
strupriindiasoprabitopullmanmorta

i più visti




casa, immobiliare
motori
Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.