A- A+
Cronache
E' in Svizzera l' ultimo viaggio . Boom di turisti per la morte

Il numero di chi va in Svizzera per porre fine alla propria vita ha subito un'importante impennata. E sarebbero sempre piu' numerosi i casi di suicidio assistito non legato a malattie fatali. A scoprirlo un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Oxford in uno studio pubblicato sul 'Journal of Medical Ethics'. Nel 2008 sono state 123 le persone che hanno raggiunto la Svizzera per morire contro le 172 registrate nel 2012 (22 gli italiani). In totale, in questo periodo sono stati 611 i "turisti" provenienti da 31 diversi paesi che hanno deciso di ricorrere al suicidio assistito.

La maggior parte proveniva dalla Germania e dal Regno Unito, rispettivamente con il 44 e il 21 per cento del totale. Il motivo di questa drastica scelta, compiuta tra il 2008 e il 2012, e' per il 47 per cento riferibile a malattie neurologiche, anche se solo alcune sono fatali, contro il 12 per cento avvenuto tra il 1990 e il 2000. Le malattie reumatiche e del tessuto connettivo, generalmente non considerate mortali come ad esempio l'artrite reumatoide e l'osteoporosi, hanno rappresentato il 25 per cento dei casi analizzati nel nuovo studio contro il 10 di quelli registrati tra il 1990 e il 2000.

Inoltre, è stato registrato anche un piccolo aumento del numero di persone emigrate in Svizzera a causa di problemi di salute mentale: 3,4 per cento nel recente studio, rispetto al 2,7. D'altra parte il tumore e' stato citato come causa nel 37 per cento dei casi tra il 2008 e il 2012, un 10 per cento in meno rispetto al passato. Secondo i ricercatori, uno dei motivi per cui le persone non in condizioni terminali scelgono di morire in Svizzera e' la paura di perdere la mobilita' aspettando troppo.

"Sappiamo che molti di coloro che viaggiano lo fanno prima di quanto vorrebbero per affrontare il viaggio mentre stanno fisicamente abbastanza bene", ha detto Michael Charouneau del gruppo britannico Dignity in Dying. "L'idea del suicidio assistito e' oggi piu' accettabile di quanto non lo fosse 10 o 20 anni fa", ha osservato Ruth Horn, ricercatrice dell'Universita' di Oxford.
 

Tags:
suicidio assistito
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.