A- A+
Cronache

Si è concluso con una condanna a 4 anni per l'ex Ministro Raffaele Fitto e 3 anni e sei mesi per Giampiero Angelucci, il processo La Fiorita, la cui sentenza è arrivata nella notte. Fitto è stato condannato a 4 anni per corruzione, abuso d'ufficio e finanziamento illecito ai partiti; 3 anni e sei mesi vanno invece alll'imprenditore Giampiero Angelucci per corruzione e illecito finanziamento. Il dispositivo della sentenza è stato letto alla una del mattino dal presidente della Seconda sezione del Tribunale penale di Bari, Luigi Forleo, al termine di una camera di consiglio durata oltre 28 ore.

Numerose altre condanne sono state erogate ad altri 13 imputati con pene da 4 anni a un anno, con diverse assoluzioni e una prescrizione Sono state disposte anche confische di beni: per le società di Angelucci oltre 6 miloni e 600 mila euro, mentre per Fitto l'ammontare è di 500 mila euro. Come pena accessoria è stata disposta un' interdizione dai pubblici uffici della durata di 5 anni sia per Fitto che per Angelucci oltre al risarcimento dei danni nei confronti della Regione Puglia, costituitasi in giudizio, ma da definire in altra sede. Nel medesimo dispositivo Fitto, che e' capolista del PdL in Puglia, risulta assolto da un'accusa di peculato e da un'altra accusa di abuso d'ufficio. Il deputato salentino ha ascoltato impassibile la lettura della sentenza e ha rinviato i giornalisti ad una conferenza stampa annunciata per la tarda mattinata di oggi. Numerose condanne per illeciti amministrativi hanno colpito le numerose societa' coinvolte, a partire da quelle del gruppo Tosinvest come il Consorzio San Raffaele, la Fondazione omonima ed altre con il pagamento di pene pecuniarie per diverse centinaia di migliaia di euro. Condannate anche le societa' "La Fiorita" e la Cascina" e Duemila, quest'ultima risulta confiscata per 800mila euro.

Oltre all'esponente del PdL e all'imprenditore romano erano 28 gli altri imputati in giudizio, con accuse a vario titolo di corruzione, falso, finanziamento illecito ai partiti e peculato al termine di un processo lungo e complesso, relativo a fatti risalenti al periodo tra il 1999 e il 2005, quando Fitto ricopriva la carica di presidente della giunta regionale pugliese. Tra le vicende centrali della tesi accusatoria un contributo elettorale di mezzo milione di euro elargito da una societa' del gruppo Tosinvest di Angelucci ad una lista elettorale collegata a Fitto "La Puglia prima di tutto" che - secondo l'accusa - era da collegarsi ad un appalto settennale per la gestione di 11 Residenze Sanitarie Assistite affidato con gara ad aziende di Angelucci per l'ammontare di 198 milioni di euro. Il nome del processo e' legato ad un altro troncone processuale riguardante la concessione di servizi di pulizia e ausiliariato in diverse ASL pugliesi a societa' come "La Fiorita" "La Cascina" ed altre, con procedure valutate come illecite dai capi d'accusa. La richiesta della Procura era stata di 6 anni e sei mesi per Fitto di 4 anni e sei mesi per Angelucci, ed ulteriori 27 richieste di condanna per gli altri imputati, comprese fra i tre anni e gli otto mesi.

Tags:
fittotangentiprocesso

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.