A- A+
Cronache


 

india incendio treno (4)

Tragedia alla principale festa Hindu, Maha khumb, in cui trenta milioni sono giunti al Gange per immergersi e purificarsi. Nella stazione ferroviaria di Allahabad, nello Stato dell'Uttar Pradesh, una passerella ha ceduto sotto il peso della folla.

Le autorità locali inizialmente confermano il decesso di quattro persone. A seguire, il ministro delle Ferrovie indiane, Pawan Bansal, parla di oltre dieci vittime e decine di feriti.

Per New Delhi Television, le vittime sarebbero una decina. Le reti tv Ibn e Ndtv riferiscono invece di oltre venti persone morte e trenta ferite nella calca.

Il Maha Khumb, rituale noto anche come Pitcher Festival, dura 55 giorni durante i quali milioni di fedeli si tuffano nella zona denominata Sangam, alla confluenza dei tre fiumi Gange, Yamuna e Saraswati, situata ai margini di Allahabad, nel nord dell'India. Questa tragica domenica di febbraio era indicata come uno dei giorni sacri per il bagno purificatore, in base a un calcolo effettuato sull'allineamento delle stelle.

Secondo la mitologia hindu, il Kumbh Mela celebra la vittoria degli dei sui demoni al termine di una furiosa battaglia per un nettare capace di dare l'immortalità. Mentre uno degli dei fuggiva attraverso i cieli con una brocca del nettare, dal liquido versato nacquero le città di Allahabad, Nasik, Ujjain e Haridwar, dove il Kumbh Mela si tiene quattro volte ogni 12 anni.

Tags:
indiagangetragediafolla

i più visti




casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.