A- A+
Cronache
Trivelle, air-gun e sonar militari. Così devastano il mare Adriatico

La settimana scorsa, sulla spiaggia di Vasto, in Abruzzo, sono spiaggiati sette capodogli, i quali avevano perso l’orientamento. Tre di questi sono morti, soffocati com’è noto dal loro stesso peso fuori dall’acqua, mentre gli altri sono stati rimessi in acqua grazie all’opera della Guardia costiera e di numerosi volontari e istituzioni. Nel sangue degli animali morti sono state trovate tracce di embolia gassosa, tipico delle emersioni veloci da grandi profondità, avvenimento improbabile nei bassi fondali dell’Adriatico che in quel tratto non superano le poche decine di metri.

E' solo l'ultimo caso di una serie di eventi che non riguarda solo gli animali, ma l'intero ecosistema del mare Adriatico e l'ambiente circostante. Alcuni scienziati parlano apertamente di "bomba ecologica". E ci sono geologi che sostengono che siano causa dell'aumento di eventi meteorologici estremi come i terremoti...

I CAPODOGLI SPIAGGIATI - Tornando alla notizia di cronaca più recente, la causa dello smarrimento dei sette capodogli non è ancora stata accertata. Sul tavolo ci sono tre ipotesi: il rumore delle trivelle, quello da air-gun o i sonar militari. Quest'ultima opzione sembra prevalere visto che in questo periodo paiono non essere in corso perforazioni o ricerche geologiche nel mare Adriatico.

L'ALLARME DEL WWF - Il Wwf continua imperterrito a lanciare l'allarme sulle pratiche scientifiche e militari messe in atto nel mare Adriatico. E tra l'altro l'associazione di protezione animale non ha fiducia nella capacità di fare chiarezza da parte delle istituzioni. Il Wwf “dubita fortemente in un atto di tale trasparenza poiché in questi anni nell'Adriatico si sono susseguiti molti altri episodi, come altri capodogli spiaggiati, un'impressionante moria di tartarughe marine”.

I RISCHI - Come avverte il Wwf, servirebbe una riflessione seria su “un bene comune: il mare Adriatico, che per la prima volta da quest'anno è interamente circondato da paesi comunitari, grazie all'ingresso della Croazia in Europa, ma sul quale sono concentrati forti interessi e attività che rischiano di diventare insostenibili dal punto di vista ecologico, e non solo”. Già, perché i rischi sono davvero parecchi. Entro il 2019 potrebbero sorgere diciannove nuove piattaforme offshore per l'estrazione degli idrocarburi. E secondo molte parti, anche politiche, le ispezioni propedeutiche hanno causato "una moria di tartarughe e delfini". Secondo alcuni scienziati incombe una "bomba ecologica" sull'Adriatico. Non solo, le trivellazioni sarebbero anche collegate all'aumento del sisma, parallelamente ai dati usciti a proposito dell'ondata sismologica registrata negli scorsi anni in Emilia. Gli ultimi studi dimostrano infatti che, in molti casi, grandi opere come dighe e scavi, ma anche grattacieli, possono avere pesanti ripercussioni nel sottosuolo, provocando terremoti, frane ed eruzioni di fango.

Tags:
mare adriatico
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure

DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.