A- A+
Cronache

 

Il cancro al polmone potrà superare il cancro al seno come causa principale di morte per cancro tra le donne europee attorno alla metà del decennio, secondo una nuova ricerca, condotta da ricercatori dell’ Istituto Mario Negri, dell’ Università degli Studi di Milano e dell’Università di Losanna, pubblicata sulla rivista Annals of Oncology. In Italia, le donne hanno iniziato a fumare più tardi e fumano meno che in altri Paesi europei, di conseguenza la mortalità per tumore al polmone resterà inferiore a quella per tumore al seno, almeno per tutto questo decennio.

Lo studio prevede che circa 1,3 milioni di persone moriranno di cancro (737.747 uomini e 576.489 donne) nei 27 paesi dell'Unione Europea nel 2013. Nonostante il numero di decessi sia aumentato rispetto al 2009 (anno per il quale i dati di mortalità dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sono disponibili per la maggior parte dei Paesi europei), si ipotizza che il tasso (standardizzato per età per 100.000 abitanti) di mortalità per tumore diminuisca del 6% negli uomini e del 4% nelle donne. Nonostante questa diminuzione per l’insieme dei tumori, i tassi di mortalità per cancro ai polmoni continuano a salire nelle donne in tutti i paesi, mentre quelli per tumore alla mammella scendono. Per il 2013 si stimano 88.886 decessi (14,6 per 100.000 donne) per cancro al seno e 82.640 morti (14 per 100.000 donne) per cancro ai polmoni. Si prevede che i decessi per cancro al polmone aumentino del 7% tra le donne europee dal 2009.

"Se queste tendenze opposte per la mortalità da tumore al seno e al polmone nelle donne dovessero continuare - spiega Matteo Malvezzi, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e primo autore dello studio - nel 2015 il cancro al polmone diventerà la prima causa di mortalità per cancro in Europa. Questa situazione si è già verificata nel Regno Unito e in Polonia, i due paesi con i tassi di cancro al polmone più elevati. L'aumento di mortalità per cancro al polmone per le donne nel Regno Unito riflette la maggiore prevalenza di giovani donne fumatrici alla fine degli 1960 e negli anni 1970, forse a causa dei cambiamenti negli atteggiamenti socio-culturali in quel periodo.

Tuttavia, oggi nel Regno Unito e nel resto d' Europa meno giovani donne fumano e, di conseguenza, le morti per cancro ai polmoni potrebbero iniziare a stabilizzarsi dopo il 2020 con una mortalità di circa 15 per 100.000 donne".

Tags:
tumorecancropolmonedonne

i più visti




casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.