A- A+
Cronache

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Il governo deve fare il governo. Intervenga per risolvere la situazione e tutelare chi vuole fare il suo lavoro". Paolo Uggè, presidente di Unatras e Conftrasporti, critica la protesta dei forconi e di alcune sigle dell'autotrasporto in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Alla base c'è un malcontento reale, ma i modi sono sbagliati. Chi protesta vuole sfasciare il sistema e non pensa all'interesse del Paese. Molti camionisti che vogliono lavorare sono stati minacciati. Lo Stato ristabilisca l'ordine pubblico". Ma poi arriva anche un avvertimento: "Abbiamo firmato un protocollo d'intesa che potrebbe essere cancellato alla Camera. Ci sentiremmo traditi e il governo deve stare attento: se protesta anche l'autotrasporto il Paese sprofonda davvero nel caos".

IL VICEMINIST​RO FASSINA: STOP SUBITO ALLE VIOLENZE. DIALOGO? SI', MA I MANIFESTAN​TI NON SANNO COSA VOGLIONO

Paolo Uggè, come si può risolvere la protesta dei "forconi" e di parte degli autotrasportatori?

La protesta è dei "forconi" insieme ad altre sigle. Stanno protestando anche alcune associazioni locali di autotrasportatori, ma si tratta davvero di una piccola parte. Sulle autostrade i camion stanno circolando regolarmente perché gli autotrasportatori non hanno proclamato alcuna protesta. Le questioni riguardanti il nostro settore sono state impostate e affrontate in un modo che ritengo compatibile agli interessi della categoria. Non ci sono, al momento, delle ragioni per mettere in atto una protesta dell'autotrasporto.

La protesta secondo lei è ingiustificata?

No, la protesta trova un humus nella situazione economica di tante famiglie, di tanti giovani e tante categorie che hanno oggettivamente dei problemi. Sono questi problemi che vanno affrontati e risolti. Però il modo di questa protesta è sbagliato perché mira semplicemente a sfasciare il sistema senza pensare agli interessi del Paese. E' una protesta che vive su una situazione di malcontento reale, con gente che non arriva alla fine del mese o che ha perso il proprio posto di lavoro. C'è una base di difficoltà concreta, che se non risolvi alla prima occasione rischia di esplodere e di portare a queste forme di protesta.

Ma il governo come dovrebbe affrontare la situazione?

E' una questione di ordine pubblico, lo Stato dovrebbe fare lo Stato e affrontarla come tale.

Vale a dire?

Il governo deve fare il governo. Guardi, se l'autotrasporto dovesse valutare di aggiungersi a queste forme di protesta noi avremmo il Paese definitivamente bloccato. Noi oggi coi nostri mezzi che si muovono assicuriamo i rifornimenti ai negozi, la distribuzione delle merci e il funzionamento del sistema produttivo. Ma se l'autotrasporto dovesse in qualche modo decidere di aderire alle proteste il Paese sarebbe allo sfascio.

Esiste questo rischio?

Per ora no, perché siamo delle federazioni responsabili e abbiamo spiegato alla gente quello che il governo ha messo a disposizione per il settore e gli operatori nel 90% dei casi ha condiviso questa nostra linea. Però lei capisce che non è bello farsi magari fermare in qualche zona e vedersi minacciati da qualcuno perché si sta andando a lavorare. Alla guida di questi mezzi ci sono degli uomini, non dimentichiamolo. Uomini che hanno uno stipendio basso alla fine del mese. Io credo che il governo dovrebbe molto in fretta comprendere che la situazione rischia di diventare ancora più grave e fare lo Stato.

Quindi da una parte fermare le proteste violente e dall'altro dare risposte per scongiurare che a questa protesta si uniscano tutti gli autotrasportatori?

Esatto. Chi vuole protestare ha il diritto di protestare ma nel rispetto delle leggi. E qui mi sembra che non tutti stiano rispettando la legge, visti gli assalti alla polizia e il carabiniere ferito a Torino. C'è anche chi sta minacciando i camionisti, a molti hanno detto: "State attenti, non lavorate perché ti conosciamo e altrimenti ti veniamo a prendere". Lo Stato dovrebbe intervenire per tutelare i cittadini che vogliono lavorare. Viene da chiedersi se abbiamo un governo oppure non abbiamo nessuno...

L'INTERVISTA DI AFFARI/ Il leader degli autotrasportatori in rivolta: "E' guerra, resteremo in piazza fino a Natale"

Il governo dovrebbe usare anche la forza per ristabilire l'ordine, magari inviando anche l'esercito?

Gli strumenti li conoscono bene, ci vuole però la volontà politica di usarli. In uno Stato di diritto le regole si rispettano. Se si oltrepassano certi limiti questi fenomeni vanno limitati o repressi, ma dovrebbe preoccuparsene il governo, non noi.

C'è qualcuno che sta soffiando sulla protesta?

Mi pare di sì, compreso qualche leader politico. Un conto è dare solidarietà sulle ragioni del malcontento, e io sono il primo a farlo, ma non si può essere solidali con forme di protesta che arrivano anche a violenza o ad atti intimidatori.

Che cosa deve succedere perché anche gli autotrasportatori si uniscano alla protesta?

Guardi, noi per ora abbiamo considerato sufficiente quello che è stato deciso nel protocollo d'intesa e abbiamo deciso di andare avanti considerando anche il momento di difficoltà economica e sotto Natale sarebbe stupido gettare acqua sul piccolo fuocherello della ripresa. Purtroppo qualcun altro, per altri motivi, hanno deciso di buttare il Paese allo sbando. Le misure sull'autotrasporto previste nel protocollo d'intesa sono state inserite nel maxi emendamento che al Senato ha ottenuto la fiducia. Ora vediamo che alla Camera ci sono dei parlamentari che hanno presentato emendamenti che vanno esattamente nella direzione opposta. E' chiaro che se il governo non difende quelle misure inevitabilmente ci sentiremmo traditi dal governo e allora non potremmo fare altro. Attenzione, ribadisco, il governo non deve sottovalutare i fenomeni di protesta perché se si congiungono e si dovesse unire anche l'autotrasporto sarebbe davvero il caos.

Tags:
trasportoprotestaforconi
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.