A- A+
Cronache

 

 

alpinista 500

Una cassetta piena di smeraldi, zaffiri, rubini e altre pietre preziose

e' stata ritrovata da un giovane alpinista sul ghiacciaio dei Bossons, sul Monte Bianco. I gioielli valgono tra i 130 e i 246 mila euro e dovrebbero provenire da uno dei due aerei dell'Air India che si sono schiantati in quella zona 50 anni fa. L'alpinista, secondo quanto riferito dai media francesi, ha portato il ritrovamento alla polizia locale di Bourg-Saint-Maurice.

 

Il primo dei due incidenti riguarda un Boeing 707 partito da Beirut e diretto a Ginevra: il pilota, per ragioni ancora sconosciute, aveva perso il controllo dell'aereo e si era schiantato sul Monte Bianco il 24 gennaio 1966 alle 8:10. Nell'incidente morirono 117 persone. A breve distanza da quel luogo, il 3 novembre 1950, si era schiantato un altro aereo indiano: tra le 48 vittime, anche la principessa Malabar.

Entrambi gli episodi non lasciarono superstiti. "Ancora oggi il luogo dell'incidente e' come una discarica a cielo aperto", ha raccontato Arnaud Christmann, un altro alpinista che l'anno scorso aveva ritrovato una valigia con delle lettere

Tags:
monte biancotesosrosmeraldi
in evidenza
Pellegrini ufficializza la love story È Matteo Giunta il suo fidanzato

GUARDA LA FOTOGALLERY

Pellegrini ufficializza la love story
È Matteo Giunta il suo fidanzato

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.