A- A+
Cronache
Vampiro

Beveva il suo sangue e anche quello di altre persone. Un ragazzo di 23 anni a causa di gravi problemi psicologici era diventato un vampiro. Ora è guarito grazie a cinque mesi di terapia. I medici dell'ospedale militare di Denizi, nella Turchia sud-occidentale, lo hanno curato per un disordine di 'vampirismo'.

In un articolo pubblicato sul Journal of Psychoterapy and Psychosomatics il dottor Direnc Sakarya e tre suoi colleghi hanno spiegato che l'uomo, sposato e padre di famiglia, si tagliuzzava con una lametta le braccia, il torace e l'addome per fare colare in una tazza il proprio sangue, che poi beveva. Non solo, aveva anche convinto il padre a procuragliene altro alla banca locale del sangue. Poi aveva tentato di aggredire parenti e amici e bere anche il loro sangue. Per questo era stato arrestato più volte.

Secondo i medici, il 'Dracula' turco era affetto da disturbi postraumatici e dissociativi dell'identità, come pure da un problema di personalità multipla, da una depressione cronica mista a problemi con l'alcol. A fare scattare i disordini, stando agli psichiatri dell'ospedale militare, erano stati diversi eventi traumatici. In pochi mesi il giovane aveva perso la figlia, morta a soli quattro mesi, poi aveva dovuto superare il lutto per la morte di un suo zio, infine era stato testimone dell'assassinio di un uomo da parte di un amico.

Dopo un trattamento durato cinque settimane il giovane è considerato guarito, perlomeno dall'abitudine di bere sangue.

Tags:
vampiropsichiatrasangue

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.