A- A+
Cronache


di Renato Pierri 


Il cardinale Angelo Scola ha presenziato alla tradizionale Festa delle Genti, che ogni anno viene celebrata nel giorno dell'Epifania, alla presenza di migliaia di fedeli cattolici di tutte le etnie e provenienze. Davanti alle folte rappresentanze di asiatici filippini, africani, sudamericani, il cardinale ha detto che "il destino delle seconde e terze generazioni di immigrati qui in Italia è quello di radicarsi, di incarnarsi nella nostra società. Restate dunque fedeli alle vostre comunità e tradizioni, ma anche fate tutto quel che serve per entrare nelle nostre comunità". Si è soffermato a lungo sulle potenzialità dei "vostri figli che sono nati qui a Milano, che parlano la nostra lingua e studiano nelle nostre scuole" e ha spiegato che queste seconde generazioni - ancora prive del diritto legale di cittadinanza in base al luogo di nascita - "sono la nuova Milano, la nuova Europa: voi vi unite al cammino della comunità lombarda e noi sappiamo benissimo quanto bisogno abbiamo di voi e del vostro lavoro, della vostra capacità di alleviare le nostre fatiche. Voi portate aria fresca in questo Duomo che è la cattedrale di tutti i cittadini milanesi, della comunità di cui voi fate parte". (La Repubblica, 6 gennaio). Discorsi seri, insomma. E poi? Poi una delle ossessioni della Chiesa: la difesa della famiglia tradizionale "formata da uomo e donna, uniti da un vincolo fedele nel tempo". Ossessione che è una riprovevole discriminazione verso le famiglie omogenitoriali e verso i bambini che crescono in queste famiglie.
 
Benedetto XVI nel suo discorso al corpo diplomatico: “Se nell'attuale crisi economica si combatte lo "spread" finanziario, bisogna combattere anche quello "del benessere sociale", e porre freno alle "crescenti differenze fra pochi, sempre più ricchi, e molti, irrimediabilmente più poveri".... Rivolgendosi ai 179 ambasciatori accreditati in Vaticano, il Papa ha voluto sottolineare oggi come "l'educazione sia un'altra via privilegiata per la costruzione della pace".... Il Pontefice si è poi soffermato sulla crisi in Siria. "Rinnovo il mio appello affinché le armi siano deposte e quanto prima prevalga un dialogo costruttivo per porre fine a un conflitto che, se perdura, non vedrà vincitori, ma solo sconfitti, lasciando dietro di sé soltanto una distesa di rovine", ha detto. Nei paesi del Nord Africa "è prioritaria la collaborazione di tutte le componenti della società e a ciascuna deve essere garantita piena cittadinanza, la libertà di professare pubblicamente la propria religione e la possibilità di contribuire al bene comune" (La Repubblica 7 gennaio).

Discorsi seri, insomma. E poi? Poi un’altra delle ossessioni della Chiesa: "L'aborto diretto, cioè voluto come un fine o come un mezzo, è gravemente contrario alla legge morale. Constato con tristezza - ha aggiunto il papa - che, in diversi paesi, anche di tradizione cristiana, si è lavorato per introdurre o ampliare legislazioni che depenalizzano o liberalizzano l'aborto". Il Papa, cristianamente vorrebbe penalizzare l’aborto. Il Papa andrebbe in solluchero se nel nostro Paese si tornasse ai tempi delle mammane, prezzemolo e cucchiai d’oro.

Tags:
uominichiesa

i più visti




casa, immobiliare
motori
Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica

Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.