A- A+
Cronache

Un giudice americano ha destituito un adolescente di 15 anni che rifiutava di portare un chip geolocalizzatore imposto dalla sua scuola. Si ribellano gli strenui difensori della vita privata. A stabilirlo una discussa sentenza resa nota lo scorso martedì. La giustizia fa così un passo in direzione del Grande Fratello.

Ma come funziona questo chip? La scuola li fa applicare ai suoi studenti durante l'orario delle lezioni per localizzare gli studenti. Andrea Hernandez, una texana di 15 anni, non voleva portare il badge di identificazione obbligatoria del suo liceo. Sostenuta da suo padre, la giovane invocava dei motivi religiosi, definendo il chip come "il marchio di Satana".

Al di là di questa linea di difesa poggiata sulla Bibbia, la scelta della geolocalizzazione è una vera questione di società. Secondo la scuola, si tratta di un provvedimento utile alla sicurezza. Ed è la stessa cosa evocata dal giudice.

Tags:
usascuolageolocalizzazione

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.